Newsletter n. 48
27 maggio 2014
SPECIALE EUROPEE

Straordinario: nel senso di fuori dall'ordinarietà e nel senso di eccezionale. Solo così si può commentare l'esito delle elezioni europee e amministrative. Una vittoria schiacciante a livello nazionale, una vittoria rotonda anche a livello europeo: il Partito Democratico, infatti, non solo stravince dentro i confini nazionali ma diventa il primo partito in Europa, con quasi il 41% dei consensi. Un'investitura popolare senza precedenti negli ultimi decenni per un partito di centrosinistra, guidato da un segretario che oggi è anche presidente del consiglio e che tra poche settimane sarà anche presidente di turno del Consiglio dell'Unione Europea. Il PD sarà di gran lunga il primo partito all'interno della coalizione socialista europea e sarà determinante per le scelte che si dovranno compiere. Non tanto per la distribuzione dei posti, quanto soprattutto per le politiche comunitarie che riguardano l'economia, il lavoro, il fisco, il turismo, i giovani, il futuro. E' una opportunità eccezionale per l'Italia e per l'Europa. E' anche una straordinaria iniezione di fiducia e di responsabilità che ci prendiamo, chi al Governo e chi in parlamento, chi alla guida dei comuni come sindaci e chi come consiglieri comunali, di rafforzare quel processo irreversibile di cambiamento che è cominciato. Ce la metteremo tutta, senza risparmio, per essere all'altezza e realizzare le aspettative. Non è la vittoria di uno solo, non ha vinto Matteo Renzi: è la vittoria di chi non si rassegna e ha deciso di far prevalere la speranza alla paura. Avanti tutta!
> Qui il video della conferenza stampa del presidente del consiglio Matteo Renzi
> Qui un mio breve commento "a caldo" sull'esito delle elezioni europee

EUROPEE, DATI NAZIONALI E REGIONALI - L'afferma del Partito Democratico è senza precedenti. Oltre il 40% dei consensi per un partito di centrosinistra al Governo, in Italia, non lo si è mai visto.
> Qui puoi consultare tutti i dati totali e definitivi delle Europee a livello nazionale.
> Qui i risultati nella nostra circoscrizione, quella Nord-Est
> Qui i risultati della circoscrizione Nord-Ovest
> Qui i risultati della circoscrizione Centro
> Qui i risultati della circoscrizione Sud
> Qui i risultati della circoscrizione Isole

> Qui il riepilogo dei dati in Emilia-Romagna  (straordinari!)

EUROPEE, DATI FORLIVESI - Nel territorio forlivese (Forlì e i 14 comuni del comprensorio) il Partito Democratico dilaga ovunque. Complessivamente ottiene il 54,15% (due punti sopra la media regioanle) con 53.914 voti. Significa +17% rispetto alle politiche 2013 e 11mila voti assoluti in più. Il Movimento 5 stelle crolla dal 23% del 2013 al 17% di quest'anno perdendo (nel solo territorio forlivese) diecimila voti. Al terzo posto Forza Italia con il 12,1%. Nota di cronaca: Forlì è la città, tra i comuni capoluogo, in cui è stata minore l'affermazione del Movimento 5 stelle alle Europee.
> Qui il riepilogo ufficioso del risultato complessivo nel territorio forlivese. (pdf)

Dedicheremo un'altra newsletter ai soli dati delle elezioni comunali, a livello locale e nazionale.

Marco