Newsletter n. 50
11 giugno 2014

Anche in questa settimana non mancano gli argomenti da affrontare nella nostra newsletter, molti dei quali sono stati oggetto delle domande delle tante persone che hanno partecipato all'incontro di "OpenCamera, una finestra aperta sul parlamento" che abbiamo svolto lunedì nel tardo pomeriggio presso la sede del Comitato Davide Drei. Colgo l'occasione per dirti fin da subito che il prossimo incontro di OpenCamera è fissato per il 23 giugno alle ore 20.45 a San Lorenzo in Noceto (Forlì) nell'area del circolo Arci di viale dell'Appennino.

Apriamo questa newsletter con la foto di un Forlì calcio in festa, perchè domenica eravamo in tantissimi allo stadio "Morgagni" per assistere ad una partita incredibile; più che una partita di calcio, una battaglia di nervi e di testa (cinque espulsioni in novanta minuti, tra cui anche i portieri delle due squadra). Una battaglia vinta con una grande prova di cuore e determinazione dai ragazzi biancorossi che così riportano la squadra cittadina in serie C (oggi si chiama LegaPro). Una promozione a cui non assistevamo da molti anni e che ci rende orgogliosi: ora inizia la parte più difficile e insieme stimolante, quella che che deve portare alla conferma del risultato ottenuto. Un grazie e complimenti ai giocatori, allo staff tecnico, ai tifosi che non hanno mai fatto mancare il loro supporto e ai dirigenti, tutti forlivesi che oltre alla faccia ci hanno messo anche molto altro. Per pure passione (perchè a questi livelli si 'investe' nel calcio solo per passione). Grazie davvero.

Veniamo agli argomenti della settimana.
TASI E IMU - Con l'abolizione dell'Imu sulla prima casa voluta dal Governo Letta nell'estate scorsa (una scelta affrettata e a mio parere sbagliata, che ha messo in difficoltà le politiche di bilancio e creato un caos incredibile in materia fiscale), molte tasse e imposte locali hanno cambiato denominazione e funzionamento. Non nego il fatto che si sia fatta anche molta confusione. Per provare a orientarsi tra scadenze, dubbi e informazioni spesso non precise, ti segnalo questo interessante documento con le risposte alle domande più frequenti in tema di Tasi e Imu. Un utile vademecum per provare ad orientarsi meglio in questa selva oscura.

CERVESE - Sarà un'estate calda per una parte della viabilità forlivese. Ai lavori di completamento dei lavori del quarto lotto della tangenziale si aggiungono quelli per la sistemazione della Cervese, che sarà addirittura chiusa al traffico in entrambi i sensi di marcia dal 16 giugno e per tre mesi. Una scelta assunta dalla Provincia di Forlì-Cesena che non piace a molti (a me per primo), ma inevitabile per compiere questi lavori di messa in sicurezza prima della ripresa dell'anno scolastico. Qui l'indicazione dei percorsi alternativi che si potranno seguire dal 16 giugno per chi abitualmente utilizza la Cervese.

NUOVA TANGENZIALE - C'è anche buona notizia: il prossimo 26 giugno al mattino (ore 11.30) si terrà la cerimonia di apertura al traffico del 4° lotto della Tangenziale Est di Forlì. Un fatto importantissimo, non tanto per la cerimonia ma perchè segna l'apertura al traffico di un tratto fondamentale della nostra tangenziale forlivese, che snellire moltissimo il traffico veicolare e renderà più rapidi gli spostamenti.

COPUA - Poco più di un mese fa è scoppiato il caso della cooperativa Copua, che da un giorno all'altro ha chiuso i battenti lasciando senza lavoro decine di lavoratrici e lavoratori. Era il 9 maggio. A distanza di un mese sono stato davanti all'azienda per incontrare gli ex dipendenti assieme al neo sindaco Davide Drei. Una presenza voluta per tenere alta l'attenzione dell'opionione pubblica, manifestare vicinanza alle donne e agli uomini ingiustamente licenziati e ribadire l'impegno che assieme alle istituzioni locali sto mettendo per riuscire a trovare una soluzione positiva. (Qui le immagini dell'incontro con i lavoratori)

COOPERATIVE - A proposito di questo, venerdì scorso partecipando all'assemblea annuale di Confcooperative Forlì-Cesena mi ha colpito un passaggio dell'intervento del suo presidente Stefano Lazzarini: "tutte quelle imprese - ha detto -, che si celano dietro alla forma di Cooperative ma che di fatto Cooperative non sono, saranno contrastate in tutti i modi possibili". Parole che possono sembrare scontate, ma non lo sono come dimostra la storia della finta cooperativa "Copua". E' importante che le associazioni di rappresentanza abbiano preso le distanze da questo modo di fare cooperazione e si stiano facendo carico di sostenere lo sforzo che stiamo facendo per ricollocare i lavoratori licenziati.

BONUS IRPEF - Dopo l'approvazione al Senato è approdato alla Camera il testo della legge di conversione del cosiddetto Decreto Irpef, quello sul famoso bonus degli 80 euro. Ne abbiamo già parlato in molte occasioni, ma se vuoi approfondire qui c'è il testo completo della legge (che contiene anche molto altro) e qui un dossier di approfondimento (imperdibile per gli appassionati del genere).

FATTURAZIONE ELETTRONICA - E' scattato il 6 giugno per Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti nazionali di previdenza e di assistenza sociale l’obbligo di fatturazione elettronica, relativo alle cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate dalle imprese. Obiettivo, la semplificazione della procedura amministrativa nel rapporto tra pubblica amministrazione e fornitori. Ciò consentirà non solo una maggiore trasparenza e una miglior rendicontazione della spesa pubblica, ma anche la possibilità di effettuare pagamenti più rapidi rispetto al passato (e sappiamo quanto gravoso sia il problema dei tempi di pagamento della Pubblica amministrazione). Qui un approfondimento e qui la circolare esplicativa.

SCUOLA E APPRENDISTATO IN AZIENDA - Partirà dal prossimo anno scolastico 2014/2015 la sperimentazione dell'apprendistato per gli studenti del quarto e quinto anno delle scuole superiori. Lo scopo è quello di favorire l'inserimento nel mondo del lavoro degli studenti italiani già prima della conclusione del proprio ciclo di studi, alternando la didattica in aula con quella sul posto di lavoro in azienda. Toccare con mano ciò che si studia nella teoria sui banchi di scuola, è un presupposto fondamentale per avere maggiori opportunità di impiego e per far crescere le nostre aziende. Impresa e formazione sono due ambiti che devono sempre più viaggire l'uno a fianco all'altro. Qui il comunicato di sintesi del Ministero della Pubblica istruzione e qui il decreto ministeriale.

DECRETO CULTURA E TURISMO - Nella precedente newsletter ti avevo annunciato che sono stato nominato relatore in Commissione Finanze per la parte di competenza del decreto Cultura e Turismo voluto dal governo e dal ministro Franceschini per tornare ad attrarre investimenti pubblici e soprattuto privati su un comparto fondamentale per il nostro Paese. In questa newsletter, come promesso, oltre a segnalarti nuovamente il testo completo del decreto, ti anticipo una sintesi di tutti i contenuti che puoi scaricare da qui.
Considera che ancora il parlamento non ha lavorato sul provvedimento e che quindi potranno esserci modifiche nelle prossime settimane.

CAMERE DI COMMERCIO - Ho incontrato nei giorni scorsi un folto gruppo di dipendenti della Camera di Commercio di Forlì-Cesena (una delle migliori d'Italia) giustamente preoccupati per il futuro del proprio ente alla luce delle avvisaglie di riforma che sono state avanzate dal Governo e che saranno più chiare dopo il consiglio dei ministri del 13 giugno, che dovrà varare i testi di riforma complessiva della Pubblica amministrazione. Credo sia doveroso riformare anche questo tassello della P.A., ma dentro un disegno più ampio di complessiva revisione del sistema pubblico e valorizzando le competenze e le professionalità che ci sono all'interno. Il peso della P.A. va snellito, bisogna lavorare sull'efficienza, sulla riduzione dei costi (le Camere di Commercio, ad esempio, sono 105 in Italia e circa il 60% di esse si trova in rigidità di bilancio, cioè non riesce ad essere di suppporto al sistema economico perchè non è nelle condizioni di farlo) e anche sul merito, premiando chi lavora e produce risultati. E' un lavoro lungo, che però deve cominciare: e l'abbiamo cominciato.

SPRECO ALIMENTARE - E' stata approvata (fra l'altro all'unanimità) una mozione che impegna il governo ad affrontare, con urgenza, il problema dello spreco alimentare lungo tutta la catena dell'approvvigionamento e del consumo, promuovendo strategie per migliorare l'efficienza della catena agro alimentare. La mozione intende anche promuovere l'affermazione di modelli agricoli sostenibili e la trasformazione e il riutilizzo delle eccedenze alimentari.

Per questa settimana è tutto. Come sempre è attiva la mia mail comunicazione@marcodimaio.info: leggo personalmente tutto quello che ricevo e per questo non sempre riesco a rispondere.

A presto e alla prossima!

Marco