Newsletter n. 55
17 luglio 2014

---

Anche questa settimana non mancano gli argomenti di cui parlare nel nostro consueto appuntamento con la newsletter. Doverosa una selezione per non incorrere nel rischio di essere troppo noiosi. Intanto grazie ai tantissimi che lunedì sera sono venuti alla Festa del Ronco per partecipare all’appuntamento di “#OpenCamera”: una bella discussione (oltre 20 domande) e spero una piacevole occasione per approfondire meglio i fatti dell'attualità locale, regionale e nazionale. Grazie al PD forlivese e sopratutto ai volontari della Festa del Ronco per aver voluto questo incontro e in particolare per il lavoro che fanno ogni sera, per puro volontariato, per mantenere attiva la festa (che prosegue fino al 21 luglio).

L'immagine di questa settimana è dedicata all'agricoltura e alla pesca, una produzione particolarmente pregiata in Romagna. In questi giorni molto si discute sulla crisi dell'agricoltura, o meglio, sulla crisi dei produttori agricoli. Perché il settore continua ad essere trainante a livello generale; ma mentre c'è chi gode di questo traino, c'è chi non riesce neppure a coprire i costi di produzione. Sono i coltivatori, che per un kg di pesche vengono pagati tra i 0,15 e i 0,20 euro al chilo: un quinto di quello che costa un caffè al bar. E' inaccettabile, tanto più se si considera che sugli scaffali i prodotti vengono venduti a prezzi molto più alti. La grande distribuzione non ci sta a prendersi le colpe e punta il dito contro l'anello della catena che sta tra l'agricoltore e il distributore. Nel frattempo dall'Europa arrivano fiumi di milioni di euro che vanno a finire nella promozione commerciale. Il tema merita di essere approfondito e lo faremo. Intanto ti invito a partecipare alla manifestazione "Pesche in festa" (qui maggiori informazioni sull'evento) che fino a sabato sera si svolgerà a San Martino in Villafranca. Un'occasione per apprezzare questo prodotto e per approfondire le ragioni del settore. Io ci sarò venerdì sera.  

GARANZIA GIOVANI - E' partita da un paio di mesi, ma se ne parla ancora poco. Per questo c'è bisogno di fare conoscere di più la "Garanzia giovani”, il programma lanciato dal Governo italiano (qui trovi un approfondimento che avevo preparato qualche tempo fa) grazie a fondi europei appositamente destinati all’inserimento lavorativo dei nostri ragazzi tra i 15 e i 29 anni. Per parlare di questa iniziativa molto importante, assieme alla Regione Emilia-Romagna e alle istituzioni locali, abbiamo organizzato per venerdì 18 luglio alle 15.30 a Forlimpopoli (sala del Consiglio, piazza Fratti) un apposito incontro aperto a tutti. Qui trovi il volantino. Ti aspetto!

SCALO MERCI - Ci stiamo muovendo per valorizzare lo scalo merci di Villa Selva, una piattaforma logistica molto importante per lo sviluppo locale perchè consente di utilizzare la rotaia per il trasporto merci e aumentare i traffici commerciale nella nostra zona. Inoltre può fungere da magnete per attirare nuove iniziative imprenditoriali, che grazie ad una logistica più funzionante possono insediarsi più facilmente in Romagna e in particolare sul territorio forlivese. C'è stato un primo incontro informale al ministero delle Infrastrutture, con il quale ho voluto illustrare e interessare della cosa il sottosegretario Umberto Del Basso De Caro. Altri passaggi li stiamo facendo assieme alle Amministrazioni locali per cercare tutti insieme di ottenere investimenti necessari ad ampliare lo scalo e adeguarlo alle esigenze degli operatori economici. 

AGRICOLTURA SOCIALE - Abbiamo approvato alla Camera un disegno di legge innovativo, che riguarda la cosiddetta Agricoltura sociale. Il testo definisce e sostiene le attività di “agricoltura sociale”, come quelle svolte dall’imprenditore agricolo per l’inserimento sociolavorativo di soggetti svantaggiati, disabili e minori in età lavorativa inseriti in progetti di riabilitazione sociale, l’integrazione dei servizi sociali delle comunità locali (agriasili, accoglienza persone in difficoltà), le prestazioni di servizi terapeutici anche attraverso l’ausilio di animali e coltivazione e  iniziative di educazione ambientale e alimentare. Sarà possibile svolgere attività di agricoltura sociale anche in associazione con cooperative e imprese sociali, con associazioni di promozione sociale e di volontariato (ovviamente sempre sotto il monitoraggio dei servizi sociosanitari territoriali). Qui il testo del provvedimento, che ora passa al Senato.

CULTURA E DOMENICHE AL MUSEO - Un decreto ministeriale del ministro Dario Franceschini ha introdotto alcune novità importanti nella fruizione dei museo di diretta competenza dello Stato. Parliamo di 420 unità tra musei, siti archeologici, monumenti (non sono conteggiati, dunque, tutti gli altri infiniti siti culturali non di proprietà diretta dello Stato). Il decreto ministeriale prevede l'istituzione delle "Domeniche al museo" (ogni prima domenica del mese tutti i siti dello Stato saranno fruibili gratuitamente), misure estensive dell'apertura dell'orario dei musei il venerdì fino alle ore 22, ingresso gratuito per i ragazzi fino a 18 anni e ridotto per quelli tra i 18 e 25. E ancora due notti con ingresso ad un euro nel corso dell’anno e apertura serale dei grandi musei ogni venerdì. Un altro punto importante è  quella che attribuisce ai singoli musei gli importi in misura corrispondente ai biglietti effettivamente venduti (mentre prima questi soldi finivano nel più generale bilancio dello Stato, finendo anche per essere spesi per altre azioni). Non è una legge approvata dal parlamento ma è un atto ministeriale, che - ribadisco - vale solo per i musei, monumenti e beni culturali statali; ma è giusto segnalarla perché la ritengo molto importante e innovativa. 

SEDI INPS - Assieme ad alcuni miei colleghi ho depositato, come primo firmatario, una interrogazione al ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, per sollecitare un intervento del Governo sulla questione degli affitti pagati dall’Inps. Infatti qualche anno fa, per volontà del governo Berlusconi-Tremonti, si decise di vendere a prezzi inferiori ai valori di mercato molte sedi dell’Inps salvo poi mantenere gli uffici presso le stesse sedi che erano state vendute pagando affitti molto esosi (e in questo caso al di sopra dei valori di mercato). Un’operazione che non ha certamente generato un beneficio per le casse dell’ente previdenziale e quindi dello Stato.


EDILIZIA SCOLASTICA - Arrivano i primi fondi stanziati dal Governo per il progetto sull’edilizia scolasticaPer il solo territorio della Provincia di Forlì-Cesena si tratta di 2,5 milioni di euro che rappresentano la prima tranche di finanziamenti. Tutti i progetti che sono stati presentati dai sindaci che hanno risposto all’appello del Governo, saranno sostenuti o attraverso l’esclusione dell’investimento dai vincoli del Patto di Stabilità o attraverso co-finanziamento con gli enti locali che hanno presentato i progetti. Dunque i Comuni che non risultano nel primo elenco, non sono stati esclusi ma semplicemente saranno trattati con i successivi decreti. Torneremo a parlare dell’argomento, anche coinvolgendo il sottosegretario Roberto Reggi che sta seguendo direttamente questa partita.

AIUTO ACQUISTO LIBRI SCOLASTICI - Il ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha emesso un decreto importante che stanzia fondi per aiutare le famiglie in maggiore difficoltà nell’acquisto dei libri scolastici. Si tratta complessivamente di 103 milioni di euro, di cui 2,5 milioni sono destinati alla Regione Emilia-Romagna per aiutare 14.515 alunni che appartengono alla fascia di famiglie considerate meno abbienti (cioè con reddito familiare al di sotto della soglia di reddito familiare stabilita in 15.493,71 €). Qui puoi scaricare il testo del decreto per poterlo approfondire.

NOTTE VERDE DEL BUON VIVERE - E' una buonissima notizia che, grazie all'Amministrazione comunale di Forlì e all'impegno degli organizzatori della Settimana del Buon Vivere, abbia deciso di inserire nel programma del "Buon Vivere" anche la "Notte Verde" (ti segnalo una bella intervista allì'assessore comunale Alberto Bellini). Una buona notizia perchè significa razionalizzare le spese, aumentare la visibilità di entrambi gli eventi, rafforzare l'appeal del nostro centro storico e proporre iniziative di maggiore qualità sia dal punto di vista culturale che di intrattenimento. Il gioco di squadra, come detto più volte, è l'unica via per ottenere buoni risultati. Torneremo a parlare di entrambi gli eventi, ma intanto mi premeva sottolineare l'importanza di questa sinergia su due temi cruciali per generare nuove opporunità occupazioni, che sono proprio l'ambiente e il benessere sociale. Forlì può tornare a crescere se oltre ai settori tradizionali come l'edilizia (su cui serve urgentemente un piano straordinario su base locale), scommette anche su nuovi possibili comparti della nostra economia.

Per questa settimana è tutto, alla prossima!

Marco

---