Newsletter n. 70
30 ottobre 2014

---

Una newsletter particolarmente significativa questa. Intanto è la settantesima da quando abbiamo cominciato: cifra tonda e come sempre più "importante" delle altre. E poi, casualmente, cade nel giorno del mio 31esimo compleanno. Prima di venire agli argomenti di questa settimana, ti invio a partecipare ad un nuovo appuntamento di #OpenCamera, un po' diverso da quelli tradizionali. L'incontro, infatti, è fissato per sabato 1 novembre alle ore 15.30 a Civitella di Romagna, nella suggestiva cornice del castello di Civitella (piazza Giordano Bruno, 7). Il format, però, non cambia e avremo con noi il candidato alla presidenza della Regione, Stefano Bonaccini (alle primarie ho votato e sostenuto Roberto Balzani, ma Stefano ha vinto ed è il candidato di tutti, anche il mio). Ci saranno anche i candidati forlivesi al consiglio regionale, Valentina Ravaioli e Paolo Zoffoli.
Qui il volantino, aiutami a diffonderlo. Come sempre l'invito può essere esteso a tutti quelli che vuoi.

Mercoledì a Roma è accaduto un fatto grave e sconcertante (a cui si riferisce la foto di copertina di questa settimana). Davanti all'ambasciata tedesca alcuni lavoratori e sindacalisti stavano manifestando per reclamare modifiche al piano industriale della ThyssenKrupp per le acciaierie di Terni; improvvisamente la polizia ha "caricato" i manifestanti. Negli scontri alcune persone sono rimaste ferite. Spero che il ministro Alfano, così solerte nello scrivere ai prefetti sulle Unioni civili, lo sia anche nel pretendere e fare chiarezza al più presto. Non si possono accettare ambiguità, così come non si può ricondurre un fatto dovuto evidentemente alla responsabilità di singoli, ad una regia del presidente del consiglio o a dichiarazioni sopra le righe di qualcuno.

POLITICA E SINDACATI - Anche quello che si è letto e sentito negli ultimi giorni su sindacati e Governo non mi è piaciuto. Si possono non condividere idee e opinioni, ma non si possono accettare dileggio e denigrazioni reciproche come quelle lette e dette da Susanna Camusso e soprattutto dalla mia ex collega (oggi europarlamentare) Pina Picierno. Penso che i sindacati debbano cambiare profondamente come del resto i partiti e gli altri "corpi" della società italiana; ma penso che la loro funzione sia importante e non vi si possa fare a meno. A patto che sia ancora una Repubblica democratica l'Italia che ci immaginiamo domani: e personalmente continuo a immaginarla così.

ACCORDO CON LA UE, 44 MILIARDI PER LA CRESCITA - Una notizia di cui si parla poco è . Cosa significa in soldoni? L’Accordo punta sul rafforzamento del nostro Paese nell’ottica di una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, e contribuirà a riportare in equilibrio le aree svantaggiate. Solo per i fondi di coesione, Fesr e Fse, si tratta di 32,2 miliardi di euro di risorse comunitarie che, sommati al Feasr per lo sviluppo agricolo, al Feamp per gli affari marittimi e ai fondi Yei salgono a 44 miliardi, quindi un’occasione reale di crescita e di superamento dei gap tra le varie regioni del Paese.
> Qui puoi consultare l'Accordo


LEGGE DI STABILITA
' - Si parla moltissimo di legge di stabilità (giustamente) in queste settimane. E' una manovra ampia, complessa e importante (vale 36 miliardi di euro) in cui sono contenuti provvedimenti molto importanti e alcuni che, a mio modesto parere, andrebbero modificati. Ad esempio quella che taglia le risorse ai patronati. Tuttavia nel complesso penso sia un'ottima legge, che inizieremo la prossima settimana a esaminare in Commissione Bilancio (io non ne faccio parte e, purtroppo, sarò poco coinvolto: ma cercheremo di seguirla passo dopo passo).
Se ti può interessare approfondire, qui il testo completo della legge e qui le relazioni illustrative


OVOPRODOTTI E OPPORTUNITA' - Ho interessato attraverso una lettera formale il ministro dell'Agricoltura, Maurizio Martina, circa un problema che - ancora una volta - può apparire di lieve entità; ma in realtà ha un ricaduta economica molto importante. Si tratta dell'abilitazione ad esportare gli ovoprodotti nel mercato statunitense: un passo importante perchè mentre per noi è impossibile esportare, per gli Usa è possibile vendere sul mercato europeo. Questo rischia di far retrocedere un comparto importante del nostro sistema produttivo, che dà lavoro a migliaia di persone. Il ministro mi ha risposto due giorni fa, dicendomi che si è attivato assieme al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, per accelerare la pratica. Speriamo sia davvero così, in ogni caso torneremo a sollecitare.

SCALO MERCI - Assieme a Valentina Ravaioli, Paolo Zoffoli e Valentina Ancarani abbiamo incontrato Armando De Girolamo, titolare della Lotras Logistica e gestore dello scalo merci ferroviario di Villa Selva. Fondamentale il supporto della Regione, non solo a parole, per sostenere lo sforzo che stiamo facendo a Roma per cercare di ottenere finanziamenti per ampliare lo scalo. Oggi, infatti, è saturo e per rispondere a tutte le richieste avrebbe bisogno di nuovi binari. Di questo ho parlato anche direttamente con De Girolamo in alcuni incontri che abbiamo svolto a Roma e ne parleremo anche con il candidato e spero futuro presidente della Regione, Stefano Bonaccini, a cui chiederemo impegni precisi anche su questo.


TERZO SETTORE - In Salone Comunale a Forlì assieme al mio collega Edoardo Patriarca, Gilberto Bagnoli di Assiprov Forlì-Cesena, il sindaco Davide Drei e l'assessore Raoul Mosconi stiamo incontrando il mondo del volontariato forlivese per un confronto pubblico e aperto sulla riforma del Terzo settore. Un comparto spesso sottovalutato, ma che in Italia vale il 4% del Pil e 700mila posti di lavoro. Mentre nel nostro territorio è semplicemente imprescindibile.
> La legge delega sul Terzo Settore

FORESTE CASENTINESI
- Nella sede del Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, assieme a tutti i rappresentanti della comunità del Parco, soprattutto i sindaci, per incontrare il ministro dell'Ambiente, Gianluca Galletti, che ho invitato personalmente per conoscere questo pezzo importante del nostro patrimonio paesaggistico, culturale e ambientale. Un patrimonio che va valorizzato perché in grado di generare opportunità anche economiche e occupazionali da cogliere per tutte le aree collinari e montane delle nostre zone: i progetti ci sono, vanno sostenuti e realizzati con determinazione.
> Il sito del Parco


PROMOZIONE TURISTICA
- A Bertinoro ho partecipato al lancio del nuovo sito web e dei nuovi pacchetti turistici della Strada dei vini e dei sapori di Forlì-Cesena (mi auguro al più presto si riprenda e si realizzi l'idea di fondere le 'strade' della Romagna, non ha senso continuare a lavorare divisi). Valorizzare il nostro patrimonio fatto non solo di eno-gastronomia, ma anche di itinerari specializzati alla scoperta di luoghi storici, naturalistici, architettonici, termali, religiosi: una sfida per mantenere vivo il nostro entroterra e generare nuove opportunità di crescita economica. Utopia? No realtà, basta crederci e sostenerlo giorno dopo giorno.
> Il sito della Strada dei vini e dei sapori


ROMAGNA
- Anche Confindustria, dopo Cisl Romagna e Legacoop Romagna, finalmente decide di unire le sue tre strutture provinciali. Un passo importante a cui spero ne seguano presto altri, compreso quello più ambizioso di costituire un'unica Camera di commercio della Romagna: per migliorare l'efficienza, valorizzare le competenze, servire meglio imprese e cittadini, realizzare progetti più importanti. E' un tema su cui mi sono battuto, come sai, durante l'approvazione del decreto sulla Pubblica Amministrazione; non per una difensa a priori dell'esistente, anzi per una riforma del sistema camerale che nel ridurre sprechi e inefficienze (il 60% delle Camere di commercio italiane è in rigidità di bilancio) valorizzi le realtà che lavorano bene e producono risultati.


DISSESTO IDROGEOLOGICO - A Capaccio (Ridracoli) ho partecipato, con un intervento conclusivo, ad un importante convegno organizzato da Romagna Acque e ordine degli ingegneri su gestione dell'acqua e del rischio alluvionale. In Italia ci sono oltre 4 miliardi stanziati per realizzare oltre 3400 interventi anti-emergenze. Di questi, il 78% è bloccato da cavilli e pastoie burocratiche di qualche tipo. Cominciamo a spendere i soldi che ci sono per prevenire il dissesto (che interessa l'82% dei comuni italiani): per questo abbiamo istituito un'apposita Unità di missione per aggirare gli ostacoli e usare i denari non spesi. In questo il nostro territorio, grazie a un programma di investimenti puntualmente rispettato, è un passo avanti.
> Una sintesi del mio intervento
> Il comunicato di Romagna Acque
> La Diga di Ridracoli in tempo reale

DECRETI ATTUATIVI - Nei giorni scorsi è stato pubblicato  l’aggiornamento al 21 ottobre 2014 dello stato di attuazione del Programma di Governo. Il rapporto si riferisce ai provvedimenti adottati dal 22 febbraio – data di insediamento del Governo Renzi - fino al 21 ottobre 2014. Il documento è interessante anche perchè mostra lo stato di avanzamento dei famosi "decreti attuativi", quelli che devono attuare le norme contenute nelle leggi e che spesso in Italia rimangono inevasi. Le cose sono migliorate, stando ai numeri: al 22 febbraio scorso, le leggi riferite ai Governi Monti e Letta avevano bisogno di 889 decreti per poter essere attuate, oggi quei decreti sono scesi a 448, di cui 273 rientrano tuttora nei termini previsti per la loro adozione.
> Il rapporto completo

DISAGIO PSICHICO - Ti segnalo una iniziativa importante e significativa. E' nato in Romagna il primo programma radiofonico sul disagio psichico. Grazie all’incontro fra l’Associazione Big Bang Forlì e Uniradio Cesena, la radio universitaria, rimbomba Sti(g)ma, una nuova voce al disagio psichico. A Partire da giovedì 23 ottobre, alle ore 21:00, il palinsesto della web radio Uniradio Cesena (www.uniradiocesena.it) proporrà come appuntamento fisso del giovedì un vero e proprio viaggio attraverso i temi caldi della psichiatria e della salute mentale, raccontati con serietà ma anche con ironia e un pizzico di sarcasmo da parte chi, ogni giorno, accetta la sfida di esistere e non solo resistere al disagio.
> Il sito di Uniradio

VOLLEY FEMMINILE IN A1 - Anche quest'anno il Volley 2002 Forlì disputerà il campionato di pallavolo femminile nella massima serie. Il ripescaggio in A1 della squadra forlivese è diventato ufficiale dopo che il consiglio d'amministrazione della Lega Pallavolo Serie A Femminile, su indicazione della Commissione ammissione ai campionati, ha comunicato alla Fipav la sussistenza dei requisiti per l'ammissione in A1. Forlì subentra all'esclusa Pallavolo Ornavasso e farà parte delle dodici squadre che si contenderanno il tricolore.
> Scarica il calendario
> Il sito della squadra

PROSSIMI APPUNTAMENTI - Colgo l'occasione per fare un punto dei prossimi appuntamenti e incontri a cui parteciperò. Sarà, come anticipato, sabato pomeriggio 1° novembre a Civitella di Romagna, alle 15.30 nella rocca di Civitella per una #OpenCamera un po' particolare: ci sarà, infatti, anche Stefano Bonaccini (candidato presidente della Regione). Lunedì sera, invece, interverrò ad un incontro su Legge di stabilità, riforme e lavoro (qui i dettagli). Tra sabato e domenica, invece, sarò impegnato in molti altri incontri e presenze istituzionali. Ti segnalo un evento sportivo da non perdere: domenica pomeriggio 2 novembre, alle ore 18 al Palacredito di Romagna a Forlì andrà in scena il volley di serie A1 maschile con la sfida tra Cmc Ravenna e Lube Banca Marche Macerata.


A presto,

Marco

---