Newsletter n. 72
14 novembre 2014

---

Dalle vicende nazionali a quelle locali, anche questa settimana non mancano le cose di cui parlare nel nostro consueto appuntamento con la newsletter. Prima di venire agli argomenti di questa settimana, consentimi una considerazione. Domenica scorsa a Forlì abbiamo celebrato il 70° anniversario della Liberazione cittadina, (a cui è dedicata la foto di copertina di questa settimana, in un momento della cerimonia militare davanti al sacrario dei caduti in piazza Saffi). Un evento importante in cui non solo abbiamo ricordato i fatti di quell'epoca martoriata dalla guerra, ma anche ascoltato le testimonianze dirette di coloro che vissero allora quelle giornate e che sono ancora in grado di raccontarcele in prima persona. Parole emozionati, spesso commoventi. Una suggestione che accresce pensando a cosa accadde sempre il 9 novembre ma di 25 anni fa, quando finalmente il muro di Berlino venne abbattuto e l'Europa tornò ad essere unita. Il valore della storia e di ciò che siamo stati è un patrimonio che non dobbiamo disperdere e, anzi, fare di tutto per comunicare correttamente ai giovani, nelle scuole. Abbiamo la fortuna di avere ancora testimonianze diretta dei giorni della guerra e - ovviamente - dei giorni della caduta del muro. Usiamola per comunicare ai nostri ragazzi la consapevolezza di ciò che è stato. Dedicare tempo a questo sforzo di conoscenza è uno dei migliori investimenti che si possano fare per il futuro di tutti.

AEROPORTO - Si susseguono voci di ogni tipo sull'aeroporto di Forlì, dunque proviamo a fare un pizzico di chiarezza. Oggi (venerdì) i privati che hanno ottenuto l'aggiudicazione provvisoria della concessione da Enac, hanno un appuntamento dal notaio per la costituzione della nuova società di gestione. In teoria sarebbe l'ultimo giorno utile. Non so come andrà a finire e se tutti i 3 milioni di euro di capitale saranno versati in tempo, dipende anche dal superamento degli ostacoli della burocrazia americana (incredibilmente più cavillosa di quella italiana). Questa è una partita che spetta ai privati giocare ed è giusto che se la sbrighino loro. Per parte nostra, di intesa con il sindaco Davide Drei che segue personalmente e con grande impegno la vicenda, abbiamo ottenuto una importante e non scontata garanzia da Enac: se il denaro atteso dagli Stati Uniti (il socio di maggioranza è americano) non sarà disponibile in tempo utile per l'atto notarile, la concessione non verrà ritirata e ci saranno ancora alcuni giorni di tempo per costituire la società (passo indispensabile per tornare a volare) e proseguire il lavoro di rilancio dello scalo. È il massimo che si potesse ottenere. Ora aspettiamo fiduciosi che i privati facciano la propria parte.

INVESTIMENTI PER IL TERRITORIO - Siamo riusciti a mettere all'ordine del giorno del CIPE (il Comitato interministeriale per la programmazione economica) l'approvazione dei contratti di filiera, che martedì sono stati approvati. In particolare avevo seguito il contratto di filiera che riguarda il settore della zootecnica, che con la delibera del CIPE approvata attiva investimenti diretti per una ventina di milioni di euro (senza considerare l'indotto generato) che riguardano in gran parte il nostro territorio regionale. Un risultato concreto ottenuto in tempi record (pochi mesi) rispetto agli standard.

JOBS ACT - Sono tanti i fronti su cui si sta lavorando in questi giorni, di cui uno dei più importanti è quello che riguarda la riforma del lavoro. Ne ho parlato anche lunedì sera a Casola Valsenio, dove ho tenuto una assemblea pubblica proprio su questo punto. Ha avuto molto risalto in queste ore l'accordo raggiunto all'interno del PD sulla proposta finale che sarà votata alla Camera, che in realtà non fa altro che riprendere quanto era già stato deciso dalla Direzione nazionale del PD.
> Qui il testo dell'odg approvato dalla Direzione PD
> Qui qui il testo della legge già approvata dal Senato

E45-E55 - Si va avanti per la nuova E45. Il Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) ha approvato, con prescrizioni e raccomandazioni, il progetto preliminare del “Collegamento autostradale E45-E55 Orte - Mestre”. Un progetto unitario con un investimento complessivo di 9,7 miliardi di euro (tutti a carico dei privati con il meccanismo del project financing, che riguarda soprattutto la 'ristrutturazione' della strada attuale), che finalmente renderà decorosa una strada oggi ai limiti della praticabilità in alcuni tratti.

RIFORMA DEL CATASTO - Grazie alla delega fiscale che abbiamo scritto e approvato nei mesi scorsi in Commissione Finanze, il Governo ha emanato il decreto sulle commissioni censuarie, primo passo per la realizzazione della riforma del catasto (in Italia ci sono 62 milioni di immobili, più di uno per abitante, con differenze di valore gigantesche a parità di condizioni). Tra le novità, una riguarda il fatto che il valore patrimoniale non sarà più calcolato in base al numero dei vani ma ai metri quadri, tenendo conto anche della collocazione e delle caratteristiche edilizie dell’immobile.
> In sintesi i contenuti del decreto

LEGGE STABILITA' - Entrerà nel vivo la prossima settimana la discussione sulla legge di stabilità. E', come sempre, l'appuntamento parlamentare più importante dell'anno. La discussione si svolge nella Commissione V, la Bilancio, ma inevitabilmente riguarda tutte le commissioni. Ci sono alcuni punti che ritengo importante vengano modificati: in particolare la norma che riduce i contributi per i patronati, perchè essi svolgono a mio parere una funzione di fondamentale supporto, erogando servizi che se fossero trasferiti a carico dello Stato (in questo caso l'Inps) costerebbero molto di più. Ci sono, poi, norme che condivido molto come il taglio dell'Irap per la quota lavoro, la totale decontribuzione (per tre anni) delle nuove assunzioni che saranno operate nel 2015, la stabilizzazione del taglio delle imposte sull'Irpef per i lavoratori che guadagnano meno di 1500 euro al mese e tanto altro. E' una manovra espansiva, che cerca di incoraggiare la ripresa economica e far ripartire gli investimenti. Purtroppo non c'è nessuna legge con uno schiocco di dita consente di risolvere i tanti problemi che sono sul campo; ma il cammino intrapreso è quello giusto e va percorso con tutta la velocità e la convinzione possibili.
> Il testo della legge di stabilità

BUONA SCUOLA - Si chiudono domani, sabato, i due mesi di consultazione pubblica sul programma "La Buona scuola", il testo che contiene le linee guida che il Governo intende seguire per scrivere le norme che riformano la scuola. Sono oltre 130 pagine di proposte e contenuti concreti che per due mesi sono stati sottoposti all'attenzione dell'opinione pubblica. Un tema di cui abbiamo parlato anche lunedì scorso nello speciale di #OpenCamera dedicato in maniera specifica al tema della scuola. Con me c'era Anna Ascani, collega della commissione Cultura e Pubblica istruzione, che ha puntualmente risposto alle molte domande che sono state poste. Ringrazio Cecilia Locatelli, studentessa del liceo classico di Forlì e tutti i ragazzi che hanno contribuito all'organizzazione di questa riuscitissima iniziativa. Sono soddisfatto perchè c'erano tanti studenti, insegnanti e persone non addette ai lavori ma semplicemente interessate a capirne di più.
> La buona scuola, il testo
> La buona scuola, il sito
> Il modulo per rispondere al questionario

RIFORMA COSTITUZIONALE - Entro la fine dell'anno termineremo in commissione Affari Costituzionali l'esame del testo di riforma costituzionale che è già stato approvato in prima lettura al Senato. In questi giorni sto partecipando a molte riunioni con il ministro Maria Elena Boschi e con i miei colleghi della commissione per approfondire le ipotesi di modifica possibili e  le modalità con cui arrivare ad una rapida approvazione facendo un buon lavoro di manutenzione della nostra Carta costituzionale. Pensare di lavorare su un legge così importante, non lo nascondo, mi fa sentire una enorme emozione e una grandissima responsabilità che cercherò di onorare al meglio.
> Qui il testo della riforma costituzionale

LEGGE ELETTORALE - Si procede a grandi passi anche sulla nuova legge elettorale. Come ricorderai, nei primi mesi del 2014 alla Camera avevamo già approvato un primo testo. La questione è ora nelle mani del Senato e in particolare della commissione Affari costituzionali. Si è raggiunto nei giorni scorsi un accordo che considero molto positivo tra le forze che compongono la maggioranza che prevede alcune importanti novità. Ancora non c'è il testo di legge (spetta alla commissione del Senato modificare quello originario), ma possiamo sintetizzarle così: soglia di sbarramento al 3%, 100 collegi elettorali in tutta Italia (con capilista per ogni collegio e preferenze), innalzamento della soglia per ottenere il premio di maggioranza al 40% e premio direttamente alla lista, conferma del ballottaggio nazionale per determinare con chiarezza un vincitore nel caso in cui al primo turno nessuno superi il 40%. Assicurare governabilità, stabilità politica, chiarezza dei risultati e rapporto diretto tra eletti ed elettori è l'obiettivo della legge elettorale. I tempi? Si punta ad arrivare all'approvazione entro i primi mesi del 2015, possibilmente gennaio. Anche di questo ho discusso questa settimana in una riunione con il ministro Boschi e i componenti della commissione Affari Costituzionali della Camera.

PROSSIMI APPUNTAMENTI - Velocemente il punto sui prossimi appuntamenti. Sabato sarò al mattino a Forlimpopoli, a Casa Artusi, per la conferenza stampa di presentazione dell'edizione 2015 della Diabetes Marathon. Nel pomeriggio sarò all 15 a Cesena, al Carisport, per un evento organizzato dalla cooperativa Asso (una straordinaria esperienza lavorativa basata sull'inserimento lavorativo delle persone diversamente abili) dal titolo #Siamotuttidisabili. Alle 17 sarò a Forlì per il convegno del Centro studi "Leonardo Melandri" su banche e fondazioni. Domenica mattina sarò a Faenza per una serie di incontri a sostegno della candidata al consiglio regionale del territorio faentino Manuela Rontini. Verso l'ora di pranzo sarò a Cusercoli, in visita alla sagra del tartufo, mentre alle 16 sarò a Portico per una assemblea pubblica assieme ai candidati al consiglio regionale per Forlì-Cesena, Valentina Ravaioli e Paolo Zoffoli. In serata al Palafiera di Forlì per la sfida di volley A1 maschile tra Cmc Ravenna e Diatec Trentino.

Per questa settimana è tutto. Mi scuso per la brevità, ma sto correndo da un appuntamento all'altro. Mi riservo di essere più approfondito nella prossima. Grazie per la comprensione! :-)

A presto,

Marco

---