Newsletter n. 82
27 gennaio 2015

---

Questa è una delle settimane più importanti della legislatura. Giovedì 29 gennaio alle 15 si riunirà il parlamento in seduta comune per la prima votazione del nuovo presidente della Repubblica (nell'immagine di copertina, un suggestivo scorcio del palazzo del Quirinale visto dalla fontana dei Dioscuri). E sarà la prima volta nella storia italiana che il parlamento viene chiamato nella stessa legislatura a votare per la seconda volta un presidente della Repubblica (dopo un altro fatto inedito, la rielezione di Giorgio Napolitano il 22 aprile 2013, che ha sancito per la prima volta in 70 anni l'elezione per un secondo mandato del presidente uscente). Un ruolo importantissimo, il più delicato che ci sia perchè il Capo dello Stato è tutore e garante della Costituzione, dell'Unità nazionale, delle istituzioni repubblicane, capo delle forze armate e del consiglio superiore della magistratura. Inoltre sempre più forte, soprattutto sul piano politico, è il suo ruolo sul piano internazionale. Sono giorni di frenetici contatti, riunioni, incontri - come puoi immaginare - per individuare una candidatura che abbia la più ampia maggioranza possibile in parlamento. Lunedì mattina il primo incontro alla Camera del presidente Matteo Renzi con tutti i deputati del PD. Martedì mattina sono cominciati gli incontri della delegazione PD con tutte le forze politiche presenti in parlamento, tranne il Movimento 5 Stelle che si è rifiutato di rispondere all'invito. Un nuovo incontro dei gruppi parlamentari è stato convocato per mercoledì mattina qui alla Camera, mentre tra mercoledì sera e giovedì mattina è prevista la riunione dell'assemblea dei cosiddetti "grandi elettori" (deputati, senatori e delegati delle Regioni) per proporre e discutere il nome del candidato/a alla presidenza. Tra questi incontri "plenari", un'infinita di contatti, incontri, riunioni: l'obiettivo è fare presto e fare bene, traendo lezione dagli errori commessi nel recente passato e pensando a ciò che più serve al nostro Paese in quel ruolo fondamentale. 
> Gli undici presidenti della Repubblica
> Lo 'speciale Quirinale' di Sole24ore.com e La Stampa
> La cronistoria di cosa è successo nel 2013
> Il Quirinale: sito ufficiale - il palazzo - il bilancio (nota illustrativa)

SCARICA L'APP - Ringrazio tutti coloro che hanno già scaricato l'applicazione per telefonini smartphone che abbiamo lanciato nei giorni scorsi, in particolare quelli che hanno voluto inviarmi a comunicazione@marcodimaio.info le proprie osservazioni, critiche e suggerimenti su come migliorarla. Invito chi non l'avesse ancora fatto a scaricare l'applicazione e a segnalare errori, correzioni e semplici impressioni. Il tuo contributo è utilissimo per migliorare il servizio e renderlo meglio fruibile.
> Scarica l'app per iPhone da iTunes store
> Scarica l'app per Android da Google Play

ELEZIONI IN GRECIA - Molti commentatori italiani e una parte dell'opinione pubblica sono concentrati in questi giorni sull'esito delle elezioni in Grecia. Ha vinto, come previsto, Alexis Tsipras, leader di una federazione di partiti (circa una ventina) di centrosinistra riunita sotto il nome di "Syriza". Per Tsipras si prospetta un lavoro molto complesso; non basta declamare al mondo (ma soprattutto ai propri elettori) la volontà di liberarsi dai vincoli europei; serviranno atti concreti e coraggiosi, senza i quali il moto di ribellione contro Bruxelles porterà a ben poco.
Quando sono stato ad Atene ad aprile 2014 per una serie di incontri istituzionali legati al semestre di presidenza greca del consiglio UE, ho avuto la sensazione di un paese vittima della rassegnazione. Una terra che è culla della civiltà in cui, però, tanti avevano smesso di sperare e sognare sotto il peso di una crisi economica profondissima; al punto che uscendo da Atene lungo la strada di tanto in tanto era possibile trovare auto abbandonate ai lati da automobilisti che avevano finito la benzina e i soldi per il rifornimento. La vittoria di Alexis Tsipras è una buona notizia prima di tutto per la Grecia, che ha la possibilità di rialzare la testa, ritrovare speranza e coraggio; ma anche per chi, come l'Italia, si sta battendo per fare dell'Europa non solo la casa dei divieti e dei vincoli, ma il motore per rilanciare investimenti e crescita. Lascerei perdere i parallelismi tra la situazione politica italiana e quella greca, così come la beatificazione anticipata di Tsipras che si legge in qualche commento: il suo primo atto è stato quello di formare un'alleanza di governo con la destra oltranzista, anti-euro e ultraortodossa. 
P.S. Per chi esulta sulla paventata ipotesi che il nuovo governo greco si rifiuti di pagare i debiti accumulati dalla Grecia, segnalo che una parte consistenti di quei debiti sono con l'Italia. Il nostro Paese è il terzo creditore, per una somma complessiva di oltre 40 miliardi (sì, miliardi) di euro nei confronti di Atene.
> I risultati delle elezioni in Grecia

IMU AGRICOLA, OBIETTIVO RAGGIUNTO - Finalmente si sono dissipate le nebbie sull'annosa questione dell'Imu agricola. Inizialmente era prevista stabilita l'esenzione dal pagamento prendendo a riferimento non la morfologia generale del territorio comunale, ma l'altitudine in cui ha sede il Municipio. Un criterio senza senso. Abbiamo prima ottenuto lo slittamento del pagamento al 26 gennaio e nel frattempo ci siamo battuti (anche scrivendo formalmente al ministro Padoan e al premier Renzi) per giungere ad una modifica dei criteri che alla fine siamo riusciti ad ottenere, anche se tardivamente. Venerdì pomeriggio, infatti, in un consiglio dei ministri straordinario il Governo ha approvato un decreto che per l'anno d'imposta 2014 e per il 2015 stabilisce l'esenzione dal pagamento dell'Imu agricola secondo criteri legati all'indice Istat di montanità. In questo modo l'esenzione totale riguarda 3456 comuni italiani (molti anche del nostro territorio), contro i 1498 previsti in precedenza. Un grande risultato, a favore degli agricoltori e dei comuni montani. 
> Il mio comunicato stampa con la sintesi del provvedimento

CONGRESSO REGIONALE PD - In queste settimane sono stato chiamato in causa in più circostanze in vista del prossimo congresso regionale, che dovrà eleggere il segretario del Partito Democratico per l'Emilia-Romagna. Mi lusinga che tante persone, alcune anche con ruoli molto importanti, pensino a me; tuttavia trovo difficile conciliabile un ruolo politico così impegnativo con il lavoro di parlamentare e con gli impegni che ho attualmente a Roma. Ho ribadito questi concetti in una intervista all'agenzia di stampa "Dire" che puoi leggere qui.
> Congressio regionale: l'intervista all'agenzia "Dire"

EATALY A FORLI' - Finalmente c'è una data sicura: è il 25 febbraio. Quel giorno, infatti, in piazza Saffi aprirà "Eataly", il megastore gastronomico della catena fondata da Oscar Farinetti, che fa della cucina italiana di qualità e della vendita dei prodotti delle nostre terre il proprio business. Inizialmente l'apertura era prevista per il 4 febbraio, giorno della Madonna del Fuoco, ma come accade in ogni cantiere qualche ritardato nel completamento dei lavori ha fatto slittare di alcuni giorni la data. E' uno degli investimenti più importanti degli ultimi anni per la città di Forlì, che ha l'opportunità straordinaria di portare nel cuore del centro storico un marchio ricercato in tutto in mondo. Ad esempio nella mia recente visita a Taiwan, tra le tante richieste emerse dal sistema imprenditoriale taiwanese anche quello di riuscire a creare un contatto con Eataly per aprirne un punto nel centro della capitale Taipei. Da solo non basterà, ma palazzo Talenti-Framonti (questo il nome del palazzo affacciato sulla piazza in cui verrà apriranno le nuove attività) può diventare un magnete per attrarre gente, interesse e nuovi investimenti sulla nostra città. 
> Il sito di Eataly

BOLDINI, LO SPETTACOLO DELLA MODERNITA' - Sabato 31 gennaio inaugura la grande mostra annuale del San Domenico, quest'anno dal titolo "Boldini, lo spettacolo della modernità". E' dedicata all'artista ferrarese Giovanni Boldini che è stato uno dei pittori più amati in Europa a cavallo tra '800 e '900; sicuramente il più prolifico tra gli italiani vissuti a Parigi. La mostra aprirà al pubblico dal 1° febbraio e rimarrà visibile fino al 14 giugno. Un'ulteriore occasione di promozione e attrazione di pubblico sul territorio, che non va sprecata; ma anche un'opportunità per chi vive dalle nostre parti di avere a due passi da casa una della più importanti mostre dell'anno nel panorama italiano ed europeo. Non perdiamola!
> Il sito dei Musei San Domenico
> Il sito della mostra su Giovanni Boldini
> Il sito della Fondazione

CAMPO SOLARE A VILLA SELVA - Si possono generare opportunità economiche anche investendo sull'ambiente e sulla sostenibilità. Lo dimostra l'impianto solare termico progettato da Forlì Città Solare, la società interamente partecipata dal Comune di Forlì: ora nell'area di 20mila metri quadri a Villa Selva campeggiano 2.800 metri quadri di  specchi parabolici (concentratori parabolici lineari ad inseguimento solare). Sarà uno dei primi casi in Europa a fornire energia elettrica alle aziende traendola dal sole. Il campo solare ha una potenza di 1.440 kw termici, che consentono una produzione di energia di 1 milione 300 mila kw/h annui, con un risparmio di Co2 di circa 260 tonnellate all'anno.

PIRATI DELLA STRADA - Mentre gli incidenti calano gli episodi di pirateria stradale crescono. Sono 1.009 gli episodi di omissione di soccorso osservati dall’Osservatorio il Centauro-Asaps nel corso del 2014: 119 persone uccise, 1.224 quelle ferite. Questi dati sono disponibili grazie al lavoro dell'Associazione sostenitori amici polizia stradale (Asaps) che opera a livello nazionale ma ha sede a Forlì ed è presieduta da un forlivese, Giordano Biserni. Sono numeri che devono spingere il parlamento (soprattutto il Senato, dove è ferma la legge delega di riforma del codice della strada che abbiamo già approvato alla Camera) ad accelerare i tempi di approvazione. In quel testo, come anticipato nella precedente newsletter, si prevedono ergastolo della patente e introduzione del reato di omicidio stradale.
> Il sito di Asaps
> La legge delega sul codice della strada

IL PROGRAMMA DI BONACCINI - Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, ha presentato in Assemblea legislativa il programma di legislatura. Tra i temi prioritari dell'azione di Governo, il lavoro e il sostegno alle imprese con un nuovo Patto da varare entro l'estate, la sburocratizzazione, la riduzione dei costi della politica e della macchina amministrativa, la partecipazione dei cittadini. Per quanto riguarda l'ambiente: un piano strategico contro il dissesto idrogeologico, una diversa gestione dei rifiuti e il consumo zero di territorio.
> Il programma dei prossimi 5 anni in E-R
> Il programma sintetizzato in 16 punti

FORLI' IN REGIONE - Buona notizia per il territorio forlivese, che assume un po' più di peso in Regione. Il consigliere regionale Paolo Zoffoli, infatti, è stato eletto presidente della Commissione Politiche per la salute e politiche sociali. Un riconoscimento significativo, che renderà Forlì centrale nella discussione su un tema così importante e controverso come la Sanità. Avremo modo di tornare sull'argomento, che sta a cuore non solo agli operatori del settore, ma a tutti i cittadini. Valentina Ravaioli, l'altra rappresentante forlivese in Regione, sarà vice presidente della commissione Cultura, Lavoro, Formazione, Sport: tutti argomenti di grande rilevanza e sui sono convinto Valentina saprà instaurare un solido legame con il territorio.

VERYBELLO.IT - Ha fatto molto discutere per il nome, ma dal momento della sua pubblicazione su internet in poche ore è subito salito a 500mila visite. E' il sito VeryBello.it (un nome che qualcuno definirebbe "very brutto", ma lasciamo perdere), nato per racchiudere e offrire ai milioni di visitatori che giungeranno in Italia per l'Expo di Milano un'offerta organica e ordinata dei mille eventi culturali che sono stati predisposti.
> Il sito di "Very bello"
> Il video promozionale
> Il sito di Expo2015

CULTURA E MUSEI - Segnali positivi arrivano dall'andamento dei nostri musei a seguito delle misure varate per incentivare la fruizione del patrimonio storico e culturale italiano. Solo nel 2° semestre 2014 infatti il numero dei visitatori nei luoghi della cultura statali è aumentato di circa 1.300.000 unità (+6,4%), l’aumento degli ingressi gratuiti è stato di 350.000 unità (+ 3,6%) ma è nella crescita degli introiti che si registra il dato più rilevante, con un aumento di circa 6.300.000 euro (+9%). Nel frattempo il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha indetto una selezione pubblica per il conferimento dell'incarico di direttore dei principali musei italiani. Non più nomine dettate dai partiti o dai gruppi di interesse, dunque, ma ricerca di competenze in tutto il mondo per valorizzare meglio il patrimonio dei nostri musei e farlo rendere anche dal punto di vista economico (come avviene in molti altri Stati). Se ce la fanno gli altri, perchè non dovremmo farcela noi che siamo il Paese con la maggior quantità di monumenti e giacimenti storico-culturali?
> I musei sottoposti al bando

Anche per questa settimana è tutto, alla prossima. Speriamo con un nuovo e autorevole presidente della Repubblica...!

Marco

---