Newsletter n. 141
23 marzo 2016

Rabbia, dolore, preoccupazione, sgomento, agitazione, tristezza, angoscia: gli attentati di Bruxelles (come quelli di Parigi e delle altre città) ci colpiscono e innescano un turbinio di sentimenti. Tutti tranne uno, la paura. Perché cedere alla paura significa dargliela vinta e non lo faremo mai. So che è più facile dirlo che farlo, ma è così. La reazione deve essere quella dei governi degli stati europei, finora troppo timidi nel mettere insieme le proprie risorse; ma a questo punto c'è da chiedersi cosa debba succedere ancora affinchè i capi di stato di governo dell'UE decidano di andare fino in fondo e costituire un sistema di difesa unico, una intelligence europea, una procura anti-terrorismo unica europea. E' il momento di farlo, senza pensare a calcoli di convenienza. Ce lo chiede la storia, lo chiediamo noi tutti che viviamo qui e che vogliamo che l'Europa torni a essere non solo un sogno, ma anche qualcosa di molto concreto e vicino in cui credere e affidarsi. Non serve chiudere le frontiere (abbiamo visto che i terroristi di Parigi come quelli di Bruxelles sono in gran parte nati e cresciuti in Europa); non serve chiudersi in casa. Serve riscoprire il valore di essere una comunità, il valore della nostra storia, della nostra cultura, della nostra identità. 

A distanza di pochi giorni l'uno dall'altro, Forlì ha vissuto due episodi per molti versi esemplari. Prima lo sfregio dell'opera d'arte dipinta sul muro di un palazzo in piazza Guido da Montefeltro. Un'opera voluta dal Comune, finanziata con il contributo della Bonfiglioli, che i forlivesi hanno subito 'adottato' ed eletto come uno degli emblemi cittadini. Qualche 'personaggetto' ha avuto la bella idea di sfregiare l'opera scrivendo in inglese che "La cultura è merda". Dopo un paio di giorni, alcuni ragazzi hanno ripulito la scritta, riparato il danno e lasciato un messaggio: "Il muro è di tutti come la cultura ma, non dimentichiamoci della bellezza". La bellezza è anche questa, quella di un gesto di generosità compiuto senza clamore. Chapeau!

INVITO - A Bologna con il ministro Boschi
Stiamo organizzando per venerdì 1 aprile alle ore 18 a Bologna (Hotel Savoia in Via del Pilastro, 2 - facilmente raggiungibile in auto) l'incontro conclusivo del ciclo di iniziative formative sui contenuti della riforma costituzionale. A chiudere la rassegna sarà il ministro Maria Elena Boschi. L'incontro è pubblico e aperto a tutti gli interessati.
> Il volantino dell'iniziativa

I temi della settimana

UNA LEGGE CONTRO LO SPRECO E PER LE DONAZIONI -  Una legge di cui sono molto orgoglioso e che ho deciso di sottoscrivere e sostenere fin dal primo minuto: quella contro gli sprechi alimentari. Lo scopo non è solo ridurre gli scarti nelle varie fasi di produzione, distribuzione e somministrazione di prodotti alimentari, farmaceutici o altri prodotti; ma anche quello di semplificare e incentivare le donazioni. Un provvedimento che da anni attendono tutti gli enti caritatevoli che operano sul nostro territorio e che va incontro ai più bisognosi.
> La sintesi della legge 
> Il dossier di approfondimento 

CREDITO COOPERATIVO, SI CAMBIA - Stiamo approvando in queste ore la legge di riforma del sistema delle banche di Credito cooperativo. Un sistema complesso (conta su ben oltre 300 banche in tutto il territorio italiano) e molto radicato sul territorio, anche dalle nostre parti: basti pensare, ad esempio, che solo nella provincia di Forlì-Cesena hanno sede 6 Bcc. La riforma prevede  l’aggregazione delle Bcc in uno o più grandi gruppi bancari cooperativi con la possibilità però per le banche che abbiano un patrimonio superiore a 200 milioni di euro (sono 14) di proseguire da sole costituendosi in Spa controllata dalla stessa cooperativa e dietro il pagamento di un’imposta straordinaria del 20% del patrimonio; estensione della “way out” (ovvero la possibilità di uscita dal sistema cooperativo) anche a piccole banche disposte a conferire la propria attività bancaria nella Spa.
> La sintesi della riforma delle banche di credito cooperativo

GUIDA AGLI INCENTIVI PER LE IMPRESE - Sono tante le azioni che abbiamo intrapreso in questi due anni per rafforzare la competitività del sistema produttivo dando un sostegno concreto alle imprese. Lo abbiamo fatto attraverso molte misure tra loro differenti, che è impossibile sintetizzare in poche righe. Per questo motivo è stata predisposta una "guida" a tutte le norme a sostegno delle nostre aziende che ritengo utile diffondere a mettere a disposizione.
> Tutte le agevolazioni per le imprese, la guida 
> La versione in inglese 

GUIDA ALLE DETRAZIONI FISCALI: MOBILI E ELETTRODOMESTICI - Un importante aggiornamento rispetto a quanto già comunicato qualche settimana fa, riguarda le modalità attraverso cui è possibile usufruire delle detrazioni fiscali che in parlamento abbiamo predisposto per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici. Tante sono le opportunità, molto spesso non conosciute: qui sotto una guida utile per capirne qualcosa in più e magari pianificare - a fronte degli importanti incentivi che abbiamo previsto - qualche acquisto.
> La guida aggiornata alle detrazioni per mobili ed elettrodomestici  

AEROPORTO - Ho letto con molta attenzione la lettera di due pagine che l'amministratore unico di Air Romagna spa (la società al 100% privata che ha vinto il bando di gara per la gestione dell'aeroporto di Forlì) ha inviato al "Resto del Carlino". Una serie di punti che mostrano qualche passo in avanti per arrivare alla riapertura dello scalo, ma non danno certezze sui tempi e su cosa farà questo aeroporto. Era il settembre del 2014 quando grazie ad un imponente lavoro svolto assieme alle istituzioni locali eravamo riusciti a ottenere il parere positivo di Enac alla proposta di Air Romagna. Non ci credeva più nessuno, eppure ci riuscimmo. A distanza di un anno e mezzo, credo non si possa più attendere: le istituzioni locali, guidate dal sindaco, devono convocare in maniera unitaria e congiunta l'imprenditore e chiedergli di fare chiarezza una volta per tutte sulle reali intenzioni. Senza alcun intento inquisitorio, ma semplicemente per serietà e rispetto nei confronti dei cittadini in primis e di chi ha lavorato per giungere alla possibilità di riaprire lo scalo. Possibilità che senza il nostro lavoro non ci sarebbe mai stata. 
> La lettera di Halcombe al Carlino

NUOVA LEGGE REGIONALE SUL TURISMO - La riforma dell’organizzazione turistica regionale è legge. L’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha approvato, senza voti contrari, la nuova legge regionale sul turismo che disciplina l'organizzazione turistica dell’Emilia-Romagna, passando dalla promozione del prodotto turistico alla valorizzazione di un mix fra destinazioni e prodotti di eccellenza.
> La sintesi della nuova legge sul turismo 

LA POLIZIA A FORLI'-CESENA - Ho presentato una interrogazione al ministro dell'Interno, Angelino Alfano, per sottoporgli in maniera formale un problema di cui ho già avuto modo in questi mesi di discutere con il prefetto, il questore, alcuni sindaci, molti cittadini. Si tratta della carenza di organico della Questura di Forlì-Cesena, che rischia di aggravarsi ulteriormente a causa dei pensionamenti previsti per il 2016. Il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, con una lettera pubblica in cui ha voluto elogiare il mio interessamento mi ha anche fatto notare che esiste un problema anche al Commissariato di Cesena. Vorrei tranquillizzarlo sul fatto che considero la Questura di Forlì-Cesena la questura di tutta la provincia e non solo di Forlì. Di conseguenza il mio impegno nel sollecitare il ministro a farsi carico del completamento dell'organico e delle sedi, riguarda - come ovvio - tutto il territorio provinciale. Se c'è una cosa che in passato poteva essere tollerata e oggi non lo è più (almeno dal mio punto di vista), è il perdurare delle divisioni tra Forlì e Cesena. Figuriamoci, poi, su un tema come quello della sicurezza!
> Il mio intervento per la polizia e la sicurezza a Forlì-Cesena 
> La lettera di Paolo Lucchi 
> La mia risposta al sindaco di Cesena  

IL MINISTRO FRANCESCHINI A FORLI' - Lunedì mattina a Forlì ho accompagnato il ministro della Cultura, Dario Franceschini, in visita alla grandiosa mostra su Piero della Francesca ai Musei San Domenico. Un'occasione per fare il punto su alcuni progetti importanti per il territorio e per confermare il ruolo che Forlì ha saputo costruirsi in ambito culturale in questi anni.
> Il post su Facebook con alcune foto 

CIVITELLA, L'ART-BONUS AIUTA - Un plauso al Comune di Civitella di Romagna che sta mettendo in campo un'importante opera di restauro di un vecchio teatro, il Golfarelli, ubicato nel centro storico del paese. Un lavoro per il quale avevamo interessato anche il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che nel 2014 (all'epoca solo candidato, non ancora eletto) visitò il teatro. Per reperire i finanziamenti necessari, il Comune ha deciso di attivare l'ArtBonus, ovvero una misura che abbiamo introdotto e resa permanente nell'ultima legge di stabilità che consente di portare in detrazione il 65% dei contributi che vengono destinati dai privati al recupero e mantenimento del patrimonio artistico e culturale. Una grande opportunità, che purtroppo dalle nostre parti ancora non è sufficientemente sfruttata. Complimenti al sindaco Claudio Melandri e alla sua giunta. Nelle prossime settimane stimoleremo anche le altre amministrazioni a fare altrettanto. E' la dimostrazione concreta di come norme approvate a livello nazionale possono aiutare le comunità locali.
> Civitella sceglie l'ArtBonus 

PRIMARIE A BERTINORO - Domenica sera sono stato a Panighina di Bertinoro per congratularmi con Gabriele Fratto, che ha vinto le primarie per la candidatura a sindaco di Bertinoro. Con 492 voti si è piazzato davanti a Gessica Allegni, che con i suoi 470 voti ha ottenuto un risultato notevole. Grazie a tutti i volontari che hanno animato i due comitati (portando a votare quasi mille persone), in particolare a quelli che hanno allestito i seggi e assicurato il corretto e regolare svolgimento delle primarie. Adesso c'è solo una cosa da fare: lavorare uniti, coinvolgendo tutte le persone che si sono date da fare durante le primarie, per tagliare insieme il traguardo della vittoria alle amministrative e mettere in campo un progetto solido e lungimirante per il futuro di Bertinoro. Ovviamente non mi tirerò indietro e, se si riterrà utile, darò certamente il mio contributo.
> Il mio comunicato stampa 

Per questa settimana è tutto, alla prossima. E Buona Pasqua!

Marco

---