Newsletter n. 152
23 giugno 2016

Un'altra giornata storica quella di oggi. E' il giorno del Sì o No alla permanenza della Gran Bretagna dentro l'Unione europea. Gli effetti di una "Brexit" sarebbero imprevedibili in termini economici, sociali, politici; ma una vittoria di coloro che sostengono il "Bremain" (la permanenza nell'Unione europea), non dovrà, o meglio non potrà, lasciare tutto così com'è. Perchè in ogni caso questo voto deve essere vissuto come un campanello d'allarme, una spinta e uno stimolo alle istituzioni europee e agli stati membri affinchè si cambi davvero rotta. C'è una quota di popolazione che non si riconosce più nell'ideale europeo non per ragioni ideologiche, ma semplicemente perchè non accetta e non crede più in una politica che fatica a rispondere ai bisogni reali e concreti delle persone; che discute più di vincoli di bilancio e alchimie politiche, anziché di risposte positive ai bisogni. Anche in Italia, pur a fronte di qualche movimento positivo della nostra economia, c'è ancora tanta gente che soffre, che fatica, che non ce la fa, che non ha avuto percezione del cambiamento e degli sforzi in atto. Lo dimostrano i risultati dei ballottaggi alle ultime elezioni amministrative e - soprattutto - la ancora crescente astensione. Si sprecano editoriali, post su Facebook, trasmissioni televisive e commenti su cosa bisognerebbe fare per risollevare la situazione. Modestamente penso che ci siano due ingredienti di cui più si sente l'assenza in politica: l'umiltà e l'ascolto. Due parole a cui cerco di attingere a piene mani, ma ho l'impressione che non siamo in tanti a pensarla così in questo ambiente. E' un monito che vale in Italia come in Europa, a livello locale come a livello nazionale. Si impari dagli errori, si ascoltino gli umori delle persone, si abbia l'umiltà di correggere ciò che non va. Nelle azioni e - soprattutto - nei comportamenti. 

INVITI

Una firma per il referendum. Per dare più forza al referendum e per costituire a livello nazionale il Comitato a sostegno del Sì, è necessario raccogliere a livello nazionale almeno 500mila firme. Anche dal nostro territorio dobbiamo dare una mano a raggiungere l'obiettivo: entro martedì mattina puoi firmare nei banchetti che saranno allestiti in alcune piazze e dalle 8.30 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.30 in sede al Pd a Forlì (viale Matteotti). In alternativa puoi contattarmi direttamente o telefonare al 0543.33719. TUTTI possono firmare, senza distinzioni.

San Martino. Sabato sera alle 20.30 a San Martino in Strada (Forlì, viale dell'Appennino - Area palestra "Marabini") interverrò sui temi di attualità nazionale, referendum costituzionale e non solo. 

Sì e No a confronto. Giovedì 23 giugno alle ore 17 nel Salone comunale di Forlì (piazza Saffi) si terrà un interessante confronto tra le ragioni del Sì e quelle del No sul referendum costituzionale. Evento organizzato dal Centro Studi Leonardo Melandri (di cui sono membro). 

TEMI DELLA SETTIMANA

PEDAGOGISTI ED EDUCATORI, UNA LEGGE CHE PREMIA IL MERITO - Educatori professionali e pedagogisti hanno finalmente una loro legge. L'abbiamo approvata alla Camera, con il primo via libera al provvedimento che mette ordine ad una galassia di circa 200 mila persone. Si fissano alcuni requisiti basilari, prendendo come riferimento il livello delle conoscenze richieste dal Qeq (Quadro europeo delle qualificazioni professionali), e individuando i percorsi di studio, le competenze, i titoli, gli sbocchi occupazionali. L'esercizio di queste attività sarà consentito solo a chi è in possesso delle relative qualifiche.
> Il dossier di approfondimento 

NUOVA LEGGE DI BILANCIO - Con la riforma che abbiamo approvato alla Camera e che ora passa all’esame del Senato, il Bilancio dello Stato diventa più semplice, trasparente e solo macro-economico. Non sarà più composto da due provvedimenti (legge di Stabilità e Bilancio) bensì da uno solo composto di due sezioni: la prima incentrata su misure legislative, che prendendo il posto della vecchia Stabilità, fisseranno gli  obiettivi di finanza pubblica; la seconda contenente, invece, le previsioni di entrata e di spesa.La struttura del nuovo Bilancio sarà dunque molto più semplice, con notevole vantaggio in termini di trasparenza.
> La sintesi del provvedimento 
> Il dossier di approfondimento 

SCHOOL-BONUS: INCENTIVI PER DONAZIONI ALLE SCUOLE - Al via lo #SchoolBonus, il credito d'imposta previsto dalla legge La Buona Scuola (L. 107/2015). La misura consente a qualunque cittadino di dare il proprio contributo al miglioramento delle istituzioni scolastiche attraverso una donazione che può essere detratta, in sede di dichiarazione dei redditi, con un credito d'imposta pari al  65% delle erogazioni effettuate.
> Un articolo che spiega come funziona

CHI TIMBRA E VA A CASA, SARA' LICENZIATOTimbrare il cartellino e uscire dal posto di lavoro costerà il licenziamento. Per chi lo fa e anche per chi ometterà di punire i responsabili di questo comportamento. Lo prevede il decreto varato, dopo il lavoro svolto in Commissione Affari costituzionali, dal Governo sulla riforma della Pubblica amministrazione. Si tratta del decreto legislativo inerenti il licenziamento disciplinare.
> La sintesi dei contenuti

INIZIO ATTIVITA': UN UNICO MODULO UGUALE PER TUTTI Il Consiglio dei ministri ha approvato in via definitiva il decreto sulla Segnalazione certificata di inizio attività. Si potrà presentare presso un unico ufficio, anche in via telematica, un unico modulo valido in tutto il paese. Stop all'odiosa consuetudine per cui ogni Comune aveva le proprie procedure, i propri moduli, le proprie procedure per la segnalazione di inizio attività.
> La sintesi dei contenuti 

CONFERENZA DEI SERVIZI, TEMPI CERTI E SILENZIO/ASSENSO - Semplificazione e tempi certi sono le parole d’ordine anche per la riforma della conferenza dei servizi, varata con il via libera definitivo del Consiglio dei ministri al decreto legislativo che abbiamo esaminato in commissione affari costituzionali alla Camera. Una importante novità per le imprese e i cittadini. 
> La 'nuova' conferenza dei servizi in sintesi

INIZIO ATTIVITA': UN UNICO MODULO UGUALE PER TUTTI - Il Consiglio dei ministri ha approvato in via definitiva il decreto sulla Segnalazione certificata di inizio attività. Si potrà presentare presso un unico ufficio, anche in via telematica, un unico modulo valido in tutto il paese. Stop all'odiosa consuetudine per cui ogni Comune aveva le proprie procedure, i propri moduli, le proprie procedure per la segnalazione di inizio attività.
> La sintesi del decreto  

IMPRESE INNOVATIVE - Lunedì sono stato visita ad Hypertec Solution srl, una delle più significative e ancora pochissime PMI innovative di successo italiane. Che ha sede non a Milano, non a Roma, non chissà dove; molto più semplicemente ha sede a Panighina di Bertinoro. Un'esperienza di successo che mi ha fatto molto piacere conoscere. Nell'occasione mi hanno fatto anche un'intervista di cui qui puoi trovare il video. 
> La mia intervista sulle Pmi innovative

PER GLI AMICI DELL'HOSPICE - Sabato sera ho partecipato alla decima edizione di "Villa Rotta in festa", un evento di solidarietà a cui ho contribuito fin dalla prima edizione. Un'occasione importante per fare qualcosa di concreto per chi ha più bisogno. Quest'anno siamo riusciti a raccogliere 2500 euro donati a favore dell'associazione "Amici dell'Hospice" che si occupa di cure palliative e assistenza domiciliare ai malati. Un'attività che definire preziosa sarebbe riduttivo.
> Post su FB e foto 

ECO-BONUS, COME RENDERLI PIU' EFFICACI: UNA MIA PROPOSTA - "La Finanza per la crescita dell'impresa" è il titolo del convegno a cui sono intervenuto a Castrocaro. Davanti ad un centinaio di professionisti e imprenditori, ho brevemente illustrato la proposta promossa assieme alla mia collega Sara Moretto sulla trasformazione dei bonus per le ristrutturazioni edilizie e le riqualificazioni energetiche in crediti di imposta cedibili a istituti di credito. Perché? Perché in questo modo anziché incassare l'importo della detrazione in 10 anni, il beneficiario potrà incassare subito l'intero importo che altrimenti otterrebbe in un decennio. E consentire anche a chi ha meno possibilità, di poter progettare un intervento sulla propria abitazione.
> Post su FB e foto 

Per questa settimana è tutto, alla prossima!

Marco 

P.S. Sono abituato a essere molto riservato sulle mie cose personali, ma questa mi sembra un'esperienza da condividere perchè può fare del bene. Leggi qui

---