Newsletter n. 181
24 febbraio 2017

---

Sono stati i diari delle braccianti, gli appunti annotati sui calendari delle loro case, a svelare che il nuovo caporale che in tre mesi, tra giugno e settembre 2015, ha sfruttato e sottopagato circa 600 lavoratrici pugliesi era un'agenzia interinale di Noicattaro, alle porte di Bari. La stessa agenzia - la Infor Group - che aveva reclutato la 49enne tarantina Paola Clemente, stroncata da un infarto mentre lavorava all'acinellatura dell'uva sotto un telone nelle campagne di Andria. Per quella vicenda sei persone sono state arrestate e assicurate alla giustizia, che farà il proprio corso. 
Non so come si concluderanno questa legislatura e le mia esperienza parlamentare. Indubbiamente non è stato fatto tutto bene, ma in ogni caso so che potrò rivendicare l'orgoglio di aver sostenuto e contribuito a molte leggi importanti sul terreno dei diritti. Quella contro il caporalato - fenomeno presente anche dalle nostre parte e che, come dimostra la triste storia di Paola, può arrivare ad uccidere - è una di quelle di cui sono sarò sempre orgoglioso. 
> Il dossier della legge contro il caporalato

INVITO

CONVEGNO SUL TERZO SETTORE - Su iniziativa di Ass.I.Pro.V. Centro di Servizi per il volontariato della Provincia di Forlì-Cesena, interverrò lunedì al convegno "Pubblico e terzo settore: un'alleanza per superare la crisi" in programma lunedì 27 febbraio 2017 ore 18 nella Sala Consiliare della Provincia di Forlì-Cesena (Piazza Morgagni n. 9 - Forlì). E' un tema che riguarda da vicino il nostro territorio, dunque se vorrai e potrai esserci, ci vediamo lì. 
> Locandina e dettagli dell'evento

I TEMI DELLA SETTIMANA

MILLEPROROGHE - Sono intervenuto in aula alla Camera a nome del mio gruppo parlamentare per la dichiarazione di fiducia al Governo sul decreto "milleproroghe". Un nome poco accattivante, ma un provvedimento che contiene molte azioni rilevanti. Il dibattito pubblico è concentrato su altro, lo so; ma si continua anche a lavorare. Se hai voglia di ascoltare il mio intervento, puoi farlo cliccando sull'immagine oppure a questo link 
> Tutti i contenuti del decreto approvato
> Il video del mio intervento in aula

FISCO, GUIDA ALLE PERSONE CON DISABILITA' - Credo utile proporre una guida che è stata elaborata dall'Agenzia delle Entrate sulla base delle norme che abbiamo varato in Commissione Finanze che riguardano il fisco applicato alle persone con disabilità. Cercherò di proporre altre guide su altri comparti delle politiche fiscali del nostro Paese.
> La guida fiscale alle agevolazioni per persone con disabilità

AMBULANTI, IMPEGNO MANTENUTO - A inizio anno, quando il governo emanò il decreto "milleproroghe" di cui sopra, giustamente le associazioni del commercio anche a livello locale mi sollecitarono con prese di posizioni pubbliche affinchè si modificassero quelle norme. Passai tutto il weekend di capodanno al telefono per questo, assumendomi l'impegno di provarci (ma non dipendeva solo da me). Dopo un lavoro di oltre un mese, siamo riusciti a dar seguito a quell'impegno trovando una soluzione positiva per tutti. Una piccola, grande soddisfazione.
> La mia dichiarazione sulla norma per gli ambulanti

REDDITO DI SOLIDARIETA' - La Regione Emilia-Romagna ha varato il Regolamento attuativo della legge regionale 24/2016 sulle “Misure di contrasto alla povertà e sostegno al reddito” messo a punto dall’assessorato al Welfare. I criteri per usufruire del Res: Isee inferiore ai 3mila euro, adesione a un progetto di attivazione sociale e di inserimento lavorativo (da rispettare pena il decadimento dell’aiuto), essere residenti in Emilia-Romagna da almeno 2 anni, non percepire altri sostegni analoghi. Protocollo di collaborazione con la Guardia di Finanza per individuare e punire eventuali false dichiarazioni da parte dei richiedenti. Potrebbe andare a 80mila persone. 35 milioni di euro dalla Giunta.
> Il testo della legge di contrasto alla povertà 

PIANO STRATEGICO DEL TURISMO -  Via libera definitivo al Piano Strategico del Turismo 2017-2022, che delinea lo sviluppo del settore nei prossimi sei anni per rilanciare la leadership italiana sul mercato turistico mondiale. Il Piano ha concluso l’iter parlamentare accogliendo le osservazioni emerse nel corso del dibattito, in particolare riguardo all’attenzione alle aree del terremoto e l’integrazione delle politiche turistiche con quelle di industria 4.0.  Ottenendo l'approvazione definitiva del Governo, esso diventa lo strumento dal quale discenderanno azioni operative in termini di provvedimenti per il settore.
> Il testo integrale del Piano strategico del turismo 

PROVINCIA DI ROMAGNA - Ci risiamo. Come succede periodicamente, torna d'attualità una vecchia idea per la quale, qualche anno fa quando la sostenevo (assieme tra gli altri a Roberto Balzani), venni tacciato di essere un visionario: la Provincia unica di Romagna. Per me le Province andavano superate e sostituite con altri enti di "area vasta"; ma l'esito del referendum del 4 dicembre ci ha detto un'altra cosa e dunque le Province rimangono. A questo punto se davvero si vuole fare la Provincia di Romagna, non c'è bisogno di lanciarsi in grandi proclami o in accesi dibattiti. Va semplicemente fatta una cosa: si presenti nei consigli provinciali di Forlì-Cesena, di Rimini e di Ravenna un atto di indirizzo che impegni i tre enti alla fusione tra di loro. Capisco che sia interessante parlarne, che ognuno abbia la ricetta migliore (città metropolitana, consorzio, provincia, ecc.); ma è da ormai un decennio che se ne parla. E' il momento di passare all'azione. Altrimenti viene il dubbio che si alzi il polverone solo per continuare a perpetuare i campanilismi e gli interessi di bottega che fin qui hanno impedito una vera integrazione romagnola.

ACCORDO FINCANTIERI-FERRETTI - Si deve anche alla nuova legge navale che abbiamo approvato in parlamento nei mesi scorsi, l'importante accordo siglato tra la Fincantieri e il Gruppo Ferretti. L'intesa consentirà di sviluppare sinergie tra il colosso nazionale della cantieristica navale (controllata dallo Stato) e il gruppo nautico con base in Romagna. Un'intesa che riguarda il settore della difesa e della sicurezza, ma che interessa anche la cantieristica da diporto, comparto in cui Ferretti si è costruita negli anni una posizione di rilievo mondiale. Questo accordo apre a nuove prospettive di crescita per l'intero settore e, in particolare, per gli insediamenti industriali del gruppo situati sul territorio (Forlì e Cattolica).
> La mia dichiarazione sull'accordo

BAGNO DI ROMAGNA E BERTINORO - Nei giorni scorsi sono stato assieme ai sindaci di Bagno di Romagna e di Bertinoro, Marco Baccini e Gabriele Fratto, al Ministero dell'Economia e delle Finanze per una serie di approfondimenti tecnici su alcuni provvedimenti che riguardano gli enti locali. Incontri proficui che hanno visto anche il coinvolgimento del sottosegretario Paola De Micheli, con la quale manterremo il confronto nel corso delle prossime settimane. 

MARCEGAGLIA - Lo stabilimento del gruppo Marcegaglia a Ravenna è un gioiello del tessuto industriale romagnolo a nazionale: oltre 1000 dipendenti (tra interni ed esterni), tecnologie produttive e macchinari all'avanguardia a livello europeo e mondiale, salari medi superiori a quelli previsti dai contratti nazionali. Sono stato sulle linee di produzione, ho incontrato informalmente alcuni lavoratori dello stabilimento e scambiato un po' di opinioni con il management dell'azienda. Molti spunti soprattutto per le politiche che riguardano la logistica e le infrastrutture romagnole.

ROCCA DELLE CAMINATE - Continua la polemica sull'ipotesi di accensione del faro a Rocca delle Caminate, innescata dall'interrogazione di un mio collega al ministro dell'Interno. Sintetizzo qui per l'ennesima volta il mio pensiero: il faro si può anche non accendere, ma non possiamo spegnere il buon senso. Finchè questi temi verranno affrontati dividendo, da parte di qualcuno, il mondo in buoni e antifascisti (in questo caso chi si oppone all'accensione) e cattivi e non antifascisti (chi è favorevole all'accensione) non faremo un buon servizio alla memoria e alla conoscenza della storia.
> Qui la mia riflessione pubblicata su FB | Qui sul mio sito web

PARTITO DEMOCRATICO - L'amarezza per la decisione di alcuni importanti esponenti del Partito Democratico di lasciare il progetto politico a cui abbiamo lavorato (e che li ha eletti nelle cariche che ricoprono) è tanta. Non sono tra quelli che festeggiano e non sono d'accordo nemmeno con chi affronta superficialmente questo argomento. Credo che il segnale non vada sottovalutato e serva svolgere al più presto un congresso che rappresenti un punto di ripartenza per chi ha a cuore il destino dell'Italia, ancor prima di quello del Pd. Amareggia e dispiace l'abbandono di alcuni colleghi parlamentari, di figure come Vasco Errani e altri; ma la comunità del Partito Democratico (il primo e unico partito a cui abbia mai deciso di appartenere) rimane e continuerà ad esserci. Domenica ho partecipato all'Assemblea nazionale qui a Roma: l'intervento che più di ogni altro rappresenta la mia visione non l'ha fatto Matteo Renzi (che ho sostenuto e sosterrò anche al congresso); ma quello di Walter Veltroni, che mi ha emozionato e commosso. Te lo ripropongo a questo link.  Perchè la politica non è solo "sangue e merda" (come ebbe a dire il socialista Rino Formica), ma è anche e soprattutto passione, emotività, persone. Per questo sono contento che si sia scelto di fare un congresso, che sia un congresso vero con tre candidature competitive: quella di Matteo Renzi, quella di Michele Emiliano e quella di Andrea Orlando. A loro pare si aggiungerà anche la piemontese Carlotta Salerno. A tutti loro ho inviato le mie felicitazioni; perchè sono convinto che dal giorno successivo al congresso, si dovrà tornare a lavorare tutti insieme. Mi fa piacere conoscere la tua opinione: rispondi a questa mail oppure scrivimi a comunicazione@marcodimaio.info

Per questa settimana è tutto, alla prossima!

Marco