Newsletter n. 189
20 aprile 2017

---

E' un periodo di grandi turbolenze nel mondo e in Europa. Il fatto che più mi ha colpito in questo weekend di Pasqua è stato l'esito del referendum costituzionale in Turchia. Un esito che va rispettato (al netto delle inchieste sui presunti brogli che vedremo quale risultato produrranno), ma che preoccupa perchè spinge quel Paese non solo verso un sistema presidenziale; il modo in cui il presidente Erdogan governa, le migliaia di arresti, prevaricazioni di diritti e altro non fanno presagire nulla di buono. Per questo ho proposto che si interrompa immediatamente il negoziato (avviato nel 2005) per l'ingresso della Turchia nell'Unione europea: non sono valori compatibili con l'ideale europeo. Il che non significa rifiutarsi di collaborare - siamo costretti a farlo per la posizione che occupa nel mondo - ma difendere i nostri valori. 
> Qui la mia riflessione completa sul referendum turco

INVITI

Alcuni inviti ad un po’ di iniziative che stiamo organizzando per i prossimi giorni. Sabato mattina alle 10 in Sala Donati a Forlì (Corso Diaz, 111) parleremo di economi, lavoro, attualità nazionale assieme all’economista Filippo Taddei. Mercoledì 26 aprile alle 20 a Villa Rotta, confronto tra i candidati alle primarie del 30 aprile. Giovedì prossimo alle 21 a Forlimpopoli, incontro pubblico con il presidente della Regione, Stefano Bonaccini. Oltre a questi appuntamenti, sarò come sempre impegnato in molte altre iniziative e incontri. 

TEMI DELLA SETTIMANA

TESTAMENTO BIOLOGICOAbbiamo approvato alla Camera poco prima di inviare questa newsletter la legge sul testamento biologico: traguardo storico, da completare con il voto definitivo del Senato. Una notizia straordinaria per chi da anni si batte per far progredire i diritti civili in Italia. 
> La sintesi del provvedimento

REDDITO DI INCLUSIONE PER 2 MLN DI PERSONE - Proseguono le iniziative per il contrasto alla povertà. Il Governo, su impulso del parlamento e grazie alle norme che abbiamo inserito nella legge di bilancio per il 2017, ha siglato un accordo con l'Alleanza contro la povertà (qui l'elenco dei soggetti che ne fanno parte) che stabilisce misure concrete e importanti per sostenere le fasce di popolazione in maggiore difficoltà. La principale è l'introduzione del Reddito di inclusione, un sostegno a chi soffre di più il peso della crisi che ha colpito la nostra economia in questi anni. Saranno interessate da questa misura, oltre 2 milioni di persone, di cui quasi 8mila sono minorenni in situazioni di gravissimo disagio.
> In sintesi di cosa si tratta e come funziona 
> Il testo del memorandum 

LATTE, ORIGINE OBBLIGATORIA IN ETICHETTA - Dal 19 aprile 2017 è obbligatoria in etichetta l'indicazione dell'origine della materia prima dei prodotti lattiero caseari, come ad esempio il latte UHT, il burro, lo yogurt, la mozzarella, i formaggi e i latticini. L'obbligo si applica al latte vaccino, ovicaprino, bufalino e di altra origine animale. E' entrato, infatti, in vigore il decreto “Indicazione dell'origine in etichetta della materia prima per il latte e i prodotti lattieri caseari, in attuazione del regolamento (UE) n. 1169/2011”  pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.15 del 19 gennaio 2017. L'origine del latte e dei derivati dovrà essere indicata in etichetta in modo chiaro, visibile e facilmente leggibile.
> In sintesi cosa cambia 
> Il testo del decreto 

VACCINI - La trasmissione televisiva "Report" ha dedicato un servizio sui vaccini contro il papilloma virus: del tutto legittimo, ma non lo è, a mio parere, che un servizio di questa natura abbia dato spazio solo alla voce di chi - senza basi scientifiche - sostiene che quel vaccino sia dannoso e se ne possa fare a meno. Considero il fatto grave perchè quando di mezzo c'è la salute delle persone, non ci si può permettere di dare notizie parziali. "Report" non va chiusa e devo dire che nessuno sano di mente potrebbe fare una proposta di questo tipo (con l'eccezione di Beppe Grillo, che chiede in altri tempi la chiusura di questa ed altre trasmissioni); quello che dobbiamo chiedere, però, è che sull'informazione di carattere medico-sanitario, vengano interpellate e parlino solo persone competenti e titolate a farlo, sulla base di evidenze scientifiche e non presunzioni di chissà quale tipo. Su vaccini e qualità dell'informazione medico-scientifica torneremo a occuparci.

NASCE IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE - Parte ufficialmente il servizio civile universale. E' entrato in vigore il Decreto legislativo 40/2017 attuativo della legge 106/2016 che aveva attribuito al Governo la delega ad adottare decreti legislativi per la revisione della disciplina in materia di servizio civile nazionale. Si tratta di una novità che interesserà i giovani tra i 18 e i 28 anni i quali potranno partecipare ad iniziative finalizzate alla difesa non armata rivolte a promuovere, ad esempio, attività di solidarietà, inclusione sociale, cittadinanza attiva, tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, paesaggistico e ambientale della nazione, sviluppo della cultura dell’innovazione e della legalità nonché a realizzare una effettiva cittadinanza europea e a favorire la pace tra i popoli. 
> Il testo del decreto 

SOCIETA' DEI RIFIUTI - Il Consiglio comunale di Forlì ha approvato con voto unanime la costituzione della nuova società per la raccolta e la gestione dei rifiuti. Un atto importante, che centra un obiettivo che il territorio si è dato fin dal 2012 quando in consiglio comunale votammo (all'epoca anche io ero in consiglio comunale, dove sono stato eletto nel 2009 con 588 preferenze) il primo atto che andava in questa direzione. Sarebbe sbagliato, però, considerare il voto a questa delibera un punto d'arrivo: la parte difficile, infatti, comincia adesso. Serve la massima accuratezza nel predisporre il progetto operativo di svolgimento del servizio, nel garantire la qualità delle prestazioni, nell'individuare personale di alto profilo, competenze e qualità manageriali per gestire un'azienda il cui impatto sulla vita dei cittadini è di grande rilevanza.

TRIVELLAZIONI SUL TERRITORIOAl momento nessuna trivellazione del territorio provinciale è autorizzata alla società 'Po valley energy pty ltd'. La notizia arriva direttamente dal ministero dello Sviluppo economico che attraverso il viceministro Ivan Scalfarotto ha risposto alla mia interrogazione. Non ci sono i permessi non solo per fare trivellazioni, ma nemmeno per compiere i sondaggi esplorativi: per poterlo fare serviranno altre autorizzazioni, la valutazione di impatto ambientale e l'intesa della Regione. ll ministero, poi, mi ha garantito che nell'eventuale procedura di autorizzazione da parte delle autorità nazionali competenti, saranno tenute nella dovuta considerazione i rilievi delle istituzioni locali e dei cittadini. 
> Il mio comunicato stampa 

RECUPERO CREDITI - Ho presentato questa settimana alla Camera in conferenza stampa una proposta di legge di cui sono proponente e primo firmatario che riguarda la riforma del settore del recupero crediti. Una proposta che ha lo scopo di aggiornate la normativa del comparto che è ferma, non è uno scherzo, al 1931; e comunque si tratta di un tema molto delicato, che ha a che fare con la liquidità delle imprese (oltre 50 miliardi di euro lo stock di crediti non riscossi) e con le persone. Una corretta attività di recupero crediti, fa bene all'economia e fa bene a chi, spesso senza consapevolezza, rischia di aggravare la propria situazione debitoria.
> Il testo della mia proposta di legge 

Per questa settimana è tutto, alla prossima!

Marco