Newsletter n. 213
28 ottobre 2017

Ci sono ancora una volta le istituzioni europeo al centro del nuovo uragano politico che questa volta colpisce la Spagna con la crisi della Catalogna. L'Europa è al centro di questa vicenda non perchè abbia responsabilità dirette, ma perchè le pulsioni indipendentiste che - non solo in Spagna - si fanno sempre più pressanti, nascono in gran parte da un rigurgito di nazionalismo e individualismo a cui in tanti, soprattutto nelle cosiddette 'classi medie', si sono affidati non avendo trovato alternative credibili.
E' il momento che il Vecchio Continente prenda in mano le redini del proprio destino e assuma decisioni coraggiose: con un bilancio comune per gli investimenti pubblici che dia impulso al lavoro, con una politica comune di difesa e di intelligence, con un'armonizzazione delle politiche fiscali che impedisca l'esistenza di stati di fatto "off-shore" che fanno concorrenza sleale ad altri paesi; e poi una gestione comune dei flussi migratori (superando le regole degli accordi di Dublino), programmi formativi specifici e mirati per i nostri ragazzi, un sistema di intervento collettivo per far fronte ad emergenze straordinarie come le calamità naturali.
L'Europa deve dare un colpo di reni e farlo adesso, dando seguito agli intenti e puntando verso questi obiettivi con chi ci sta, anche a costo di certificare ciò che i fatti già dimostrano: che ci sono Paesi che vanno a diverse velocità. Le derive nazionaliste, la rabbia sociale di chi ha subito più di altri il peso della crisi, la voglia di uomini "forti" mostrata dalle recenti tornate elettorali in molti stati del continente, non aspettano i calcoli di convenienza di qualche leader politico e se non trovano reazioni portano verso destinazioni oscure (come la storia recente e meno recente ci dimostra).
Cominciamo noi, avendo il coraggio di fare della prossima campagna elettorale l'occasione per lanciare non solo un progetto per l'Italia (che in questo fine settimana a Napoli stiamo cominciando a costruire con la Conferenza programmatica), ma anche una visione europea e la determinazione a provare a realizzarla.

---

INVITO/1: VENERDI' A SANTA. Una delle cose a cui ho prestato maggior attenzione in questi anni è stare vicino alle comunità del nostro Appennino. Conoscendo, frequentando, confrontandomi con i borghi del nostro territorio ho voluto subito sostenere la legge a sostegno dei piccoli Comuni italiani. L'abbiamo approvata in via definitiva, ed ora che è in vigore bisogna capire come utilizzarla. Ne parleremo a Santa Sofia al teatro 'Mentore' venerdì 3 novembre alle 20.30. Ti aspetto!
> La pagina dell'evento
> La locandina, da diffondere

INVITO/2 LEGGE ELETTORALE: COME FUNZIONA?. Non la chiamerò mai "Rosatellum", ma più semplicemente legge Rosato: al di là del nome, quello che conta è capire come funziona la nuova legge elettorale. Ne parleremo in un incontro pubblico sabato prossimo 4 dicembre alle 17 a al circolo Asioli a Forlì (Corso Garibaldi, 280). Partecipa e diffondi!
> La pagina dell'evento
> La locandina, da diffondere

---

I TEMI DELLA SETTIMANA

SPIAGGE - Finalmente una disciplina organica e sostenibile per sistemare le nostre spiagge. Si tratta delle concessioni demaniali, che grazie alla legge che abbiamo approvato in parlamento avvia la revisione e il riordino della normativa in materia. Un argomento estremamente importante per la Romagna, uno dei distretti turistici più importanti d'Europa e del mondo, molto basato sull'utilizzo delle nostre spiagge. Il provvedimento, che ora va al Senato per la sua approvazione, riconosce il principio del legittimo affidamento; prevede un adeguato periodo transitorio per le concessioni assegnate entro il 31 dicembre 2009; riconosce il valore commerciale dell'impresa; vengono salvaguardati i livelli occupazionali.
> Il dossier di approfondimento 
> Il testo
(ufficioso) | Le schede di lettura

DOMINI COLLETTIVI - Sviluppare le aree rurali, riconoscendo i domini collettivi quali soggetti neoistituzionali a cui compete l'amministrazione del patrimonio civico di uso comune. Ovvero riconoscere che tali enti, quali gestori delle terre di godimento collettivo, siano come "imprenditori locali", che agiscono per la "tutela e la valorizzazione dell'insieme delle risorse naturali presenti nel demanio civico". È questo l'obiettivo del disegno di legga sulla disciplina giuridica dei domini collettivi, approvato in via definitiva in aula a Montecitorio.
> Il dossier di approfondimento 

SPERIMENTAZIONE CLINICA - Riforma della normativa sulla sperimentazione clinica dei farmaci, revisione dei comitati etici, medicina di genere, ordini professionali e nuove professioni. Sono solo alcuni dei punti contenuti nel disegno di legge, approvato dalla Camera e che ora dovrà tornare al Senato per la sua terza lettura parlamentare. Il provvedimento, di origine governativa ma risalente al Governo Letta, è stato molto modificato in questo passaggio parlamentare.
> Il dossier di approfondimento 

GENITORI E FIGLI - Ha fatto discutere una frase della ministra della Pubblica istruzione, Valeria Fedeli, a proposito dell'obbligo per i genitori di andare a prendere i figli all'uscita da scuola. Un'esternazione, però, che nasce da una complicata sentenza della Cassazione che condannava scuola e Miur per la morte di uno studente finito sotto lo scuolabus 15 anni fa. Dunque non una nuova legge, ma una presa d'atto di fronte ad una sentenza che espone al rischio e alla responsabilità dirigenti scolastici e insegnanti. Stiamo lavorando ad una norma che corregga il nostro ordinamento e tenga insieme la necessità di proteggere i ragazzi al di sotto dei 14 anni (che la legge oggi considera incapaci di intendere a volere) con la necessaria e giusta autonomia che le famiglie possono e devono avere nel gestire i propri spostamenti e la propria vita. Una questione di buon senso, che contiamo di riuscire a chiarire definitivamente nelle prossime settimane. 

FATTURE A 28 GIORNI - Stop alla fatturazione a 28 giorni da parte dei gestori di telefonia e pay-tv. Una pratica poco corretta nei confronti dei consumatori che avevamo segnalato e che era stata sanzionata anche dalla AGCom. Grazie ad un nostro emendamento presentato al Senato nel decreto fiscale (che riprende la proposta di legge depositata alla Camera dalla collega Alessia Morani), non sarà più possibile. Con l'approvazione definitiva del decreto entro dicembre, le bollette verranno pagate “su base mensile o multipla” e si metterà fine ad una pratica scorretta che ha penalizzato milioni di famiglie.

INNO NAZIONALE - "La Repubblica riconosce il testo del Canto degli italiani di Goffredo Mameli e lo spartito musicale originale di Michele Novaro quale suo inno nazionale": è il testo della legge, di un solo articolo, che finalmente stabilisce per sempre qual è il nostro inno nazionale. L'abbiamo approvata questa settimana in Commissione Affari costituzionali riunita eccezionalmente (grazie all'accordo di tutti i gruppi parlamentari) in seduta legislativa. Dal 1946 "Fratelli d'Italia" è il il nostro inno solo provvisoriamente, anche se adottato dagli italiani nei fatti e non nel nostro ordinamento. E' la sedicesima volta che il parlamento ci prova: ora spetta al Senato ora, con il voto definitivo, far sì che questa sia la volta buona.

NORME ANTI-DEGRADO - A Forlì è stato applicato per la prima volta il cosiddetto “Daspo urbano”, un nuovo strumento che abbiamo previsto nel decreto sulla sicurezza urbana esaminato e approvato in parlamento (con la Commissione Affari costituzionali come referente) che permette delle misure di prevenzione del fenomeno dello spaccio, da parte del Questore. In sostanza, su soggetti che hanno condanne definitive per reati connessi con la vendita della droga il Questore può intervenire, vietando a queste persone di gironzolare nei pressi di luoghi definiti, come stazioni, scuole o luoghi pubblici. Questo al fine di contrastare situazioni di degrado, connesse col fenomeno dello spaccio di droga al dettaglio. Un caso concreto di come localmente si possano utilizzare norme nazionali per contraste il degrado urbano. 

CODICE APPALTILa riforma del codice degli appalti è uno dei temi più complessi che abbiamo affrontato in questi anni. Come per ogni riforma, è utile confrontarsi con chi quelle norme le usa per lavoro ogni giorno per capirne punti di forza e debolezza, possibili corrertivi. Con questo spirito sono intervenuto al convegno promosso agli ordini professionali di Forlì-Cesena basato sul volume "Lezioni di diritto dei contratti pubblici" (scritto da due esperti della materia, Alberto Gamberini e Marco Giustiniani).
> Foto e post su Facebook

BRIGATA EBRAICACon molta emozione domenica scorsa sono intervenuto al San Domenico a Forlì alla presentazione del libro sulla Brigata Ebraica scritto da Romano Rossi e Luciano Caro (rabbino di Ferrara e della Romagna). Un testo a cui ho dato un piccolo contributo e che è stata l'occasione per ricordare la legge approvata in parlamento che conferisce alla Brigata la medaglia d'oro al valor militare. Un fatto simbolico e sostanziale per tenere viva la memoria e rendere il giusto riconoscimento a chi ha contribuito alla Liberazione dell'Italia.
> Foto e post su Facebook

CUSERCOLIBen 84 opere d'arte provenienti da tutta Italia, alcune da studio e altre realizzate in maniera estemporanea in questo fine settimana da vari scorci del Borgo. Nella chiesa di San Bonifacio, dentro allo splendido castello di Cusercoli, abbiamo premiato le migliori opere del primo concorso nazionale "Borgo in arte". Il riconoscimento più grande, però, va alla Pro Loco chiusa d'Ercole e ai suoi volontari che, assieme all'Amministrazione comunale, hanno dimostrate come l'arte possa diventare un veicolo di promozione del territorio e delle sue bellezze.
> Foto e post su Facebook

PREDAPPIO - A Roma si è tenuta la conferenza stampa con i giornalisti delle testate straniere per la presentazione del progetto scientifico di realizzazione, a Predappio, di una esposizione permanente dal titolo: "L'Italia totalitaria. Stato e società in epoca fascista". Curato dall'Istituto Parri e con il coordinamento di uno storico di rango come Marcello Flores.
> La sintesi della conferenza stampa
> Il sito dedicato al Progetto Predappio

CONGRESSO PD - Giovedì sera sono intervenuto alla serata di insediamento della nuova Assemblea territoriale del Partito democratico forlivese. L'occasione per rivolgere a Valentina Ancarani, confermata nel ruolo di segretaria territoriale, i migliori auguri di buon lavoro e farlo anche ai segretari di circolo e a tutti i militanti. Ci aspettano mesi molto impegnativi, nei quali conteranno non tanto i distinguo al nostro interno, bensì la nostra capacità di lavorare insieme e far vivere le nostre proposte nella società. Le persone, le imprese, la comunità di cui facciamo parte si aspetta questo: e lo faremo. Tocca a noi, ora più che mai. Avanti, insieme. 

Per questa settimana è tutto, alla prossima!

Marco

---
---