Newsletter n. 223
31 dicembre 2017

Ultima newsletter del 2017, un anno molto intenso come lo sono stati, del resto, quelli precedenti. Una newsletter più breve del solito, ma anche 'doverosa' visto che questa è stata la settimana dello scioglimento delle Camere, ma anche un periodo in cui abbiamo portato "a casa" alcuni risultati davvero molto significativi. Andiamo con ordine.

Camere sciolte. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato il 28 dicembre il decreto di scioglimento del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Si chiude così una legislatura densa di eventi, colpi di scena, cose fatte e qualche incompiuta, soddisfazioni, delusioni, incontri, relazioni, amicizie che mi porterò dietro per tutta la vita. Avremo modo e tempo di fare bilanci, come sempre abbiamo fatto puntualmente negli ultimi cinque anni. 

Nuove elezioni. Contestualmente il Consiglio dei ministri, come previsto dalla Costituzione, ha stabilito che le prossime elezioni si terranno il  4 marzo 2018 e che la prima seduta del nuovo parlamento si terrà il 23 marzo. Si voterà con una nuova legge elettorale, la cosiddetta legge Rosato, che prevede un sistema misto che assegna i seggi per un terzo attraverso collegi maggioritari uninominali e per due terzi con collegi plurinominali proporzionali. (Qui la spiegazione e la pagina dedicata sul sito della Camera)

I nuovi collegi. Sono stati anche deliberati in via definitiva i nuovi collegi elettorali, di cui avevamo già parlato. Visto che si vota tra 63 giorni, però, penso sia utile rinfrescare la memoria. Per la Camera, il mio collegio 'di riferimento' dovrebbe essere quello di Forlì che include questi Comuni:  Forlimpopoli, Bertinoro, Meldola, Forlì, Tredozio, Modigliana, Faenza, Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Riolo Terme, Solarolo, Bagnara di Romagna, Cotignola. I restanti comuni del Forlivese e del Cesenate costituiscono un unico collegio, quello di Cesena; mentre la città di Ravenna e la 'bassa Romagna' costituiscono un altro collegio. Chiude il quadro romagnolo Rimini, che ha un collegio tutto proprio (ad esclusione di Bellaria e Santarcangelo che, per ragioni di popolazione, vengono 'ceduti' al confinante collegio di Cesena). Qui mappa con tutti i collegi della nostra regione. 

Fondi per il territorio. Dicevo di risultati importanti che abbiamo portato a casa. Mi riferisco a finanziamenti 'speciali' per scuole, strade, piazze, monumenti in 7 Comuni del nostro territorio: si tratta di Forlimpopoli, Meldola, Civitella, Galeata, Santa Sofia, Forlì e Castrocaro che nel corso del 2018 apriranno i cantieri per questi lavori. Va dato merito ai sindaci e alle giunte interessate di aver saputo mettere in campo tempestività e qualità dei progetti, caratteristiche non comuni. Ancora una volta il lavoro di squadra ha fatto la differenza. (Qui il mio comunicato con elenco e breve spiegazione di tutti gli interventi)
> Articolo sul Carlino | Articolo sul Corriere Romagna

Tribunale fallimentare di Forlì. Il tribunale fallimentare di Forlì rimane dove sta e non verrà accorpato a Rimini. Lo prevedeva una prima bozza circolata nei giorni scorsi che aveva messo in allarme i professionisti di Forlì-Cesena e di tutta la Romagna (l'accorpamento su Rimini avrebbe coinvolto anche Ravenna). Non era il solo caso in Italia di accorpamento anomalo, così assieme ad altri colleghi abbiamo cercato di spiegare al ministero che forse non era il caso di adottare modifiche così radicali senza un approfondimento maggiore delle conseguenze che questi cambiamenti avrebbero prodotto.

Tassa sui morti. La polemica di fine anno, in Romagna, è quella sulla presunta "tassa sui morti" che l'Ausl Romagna avrebbe intenzione di far pagare alle famiglie dal 1° gennaio 2018 a chi dovesse trovarsi, purtroppo, a gestire il decesso di un familiare al di fuori di una struttura ospedaliera. Per fortuna non ci sarà nessuna tassa e, come ho cercato di spiegare qui, la situazione riguarda solo il Cesenate e peraltro con una soluzione piuttosto a portata di mano che mi auguro nei prossimi giorni venga finalizzata. 

Per questa settimana, anzi, per quest'anno è tutto! 
Mi auguro davvero che il 2018 possa essere un anno positivo per te, per noi, per il nostro territorio e per il nostro Paese. Partirà con una campagna elettorale che si preannuncia breve, ma estremamente impegnativa. Spero di poter contare anche sul tuo supporto. Ne riparleremo comunque tra qualche giorno.

Intanto in alto i calici e buon anno! :)

Marco

---

Restiamo in contatto: WA e Telegram. Per una comunicazione più rapida e per ricevere aggiornamenti direttamente sul tuo telefonino, possiamo rimanere in contatto anche tramite WhatsApp. Come fare? Semplicissimo. Aggiungi alla lista di contatti il numero: +39 349 1965449;  invia un messaggio WhatsApp con testo: NEWS ON. 
E' attivo il canale Telegram a cui puoi agganciarti da questo link.

#Fatticoncreti. Prosegue la rubrica dedicata alle cose concrete che sono state fatte in questi anni di legislatura e che è bene rinfrescare. Ogni giorno vengono pubblicate una o due pillole sulla mia pagina Facebook, mentre ho costruito una sezione apposita sul mio sito, con contenuti in continuo aggiornamento. Ti invito a condividere e diffondere i contenuti sui singoli temi che di volta in volta vengono pubblicati.
> La mia pagina FB Lo speciale sul mio sito

---