Newsletter n. 258
27 novembre 2018

La scorsa settimana la Camera ha approvato, dopo un lungo e travagliato iter tra Commissione e Aula di cui vi ho più volte parlato attraverso la newsletter e gli altri canali, il disegno di legge sulla corruzione e la prescrizione dei reati. Del provvedimento parleremo più sotto. In apertura, invece, voglio soffermarmi su un'altra parte della legge, quella che riguarda la presunta "trasparenza" dei partiti e movimenti politici. Contro cui non ho nulla, anzi, ad alcune norme ho persino votato a favore; ma mi sono sorpreso quando il Governo e la maggioranza parlamentare hanno votato contro la mia proposta di vietare alle forze politiche italiane di poter contare su appoggi esterni (compresa la gestione di siti internet e profili social) di qualsiasi tipo da parte di Stati esteri e di organizzazioni che hanno domicilio fiscale fuori dall'Italia. 
Mi sono sorpreso, ma fino ad un certo punto perchè ci sono molte evidenze che portano a pensare che così come avvenuto per la Brexit, per l'elezione di Trump e per l'esito del referendum costituzionale, anche in Italia qualcuno abbia potuto beneficiare di appoggi importanti per diffondere la propria propaganda sui social. Non metto in dubbio l'esito delle elezioni, ci mancherebbe; ma il modo attraverso il quale si diffondono i contenuti on-line non è secondario, soprattutto se la tecnica viene protratta per mesi o anni. 
Ho denunciato il tutto in maniera formale, citando (nel poco tempo che avevo a disposizione durante il mio intervento in Aula) anche fatti, rapporti, documenti che comprovano queste intromissioni. E' un argomento sul quale non mollerò perchè riguarda tutti. Anche chi oggi è al Governo e domani potrebbe (è la democrazia del resto) tornare opposizione. 
> IL VIDEO DEL MIO INTERVENTO
> Il rapporto dell'Università di Urbino
> L'inchiesta di Fanpage.it
> Due libri sull'argomento: "L'Esperimento" e "Supernova"

---

Per una comunicazione più rapida e per ricevere aggiornamenti direttamente sul tuo telefonino, possiamo rimanere in contatto anche tramite WhatsApp. Come fare? Semplicissimo. Aggiungi alla lista di contatti il numero: +39 349 1965449;  invia un messaggio WhatsApp con testo: NEWS ON. 
E' attivo anche il canale Telegram, aggiornato ogni giorno dal lunedì al venerdì, a cui puoi agganciarti da questo link.

#OPENCAMERA, ASSEMBLEA APERTA - Venerdì 30 novembre alle 20.45 alla Casa del Lavoratore a Bussecchio (via Cerchia, 98 - Forlì) parteciperò ad una assemblea aperta a tutti gli interessati per rispondere alle domande dei presenti sull'attualità nazionale e locale. Una serata sul modello degli #OpenCamera che più volte ho organizzato, con spazio soprattutto alle domande e agli interventi dal pubblico, a cui cercherò di rispondere. Fai girare l'invito e partecipa!
> La locandina dell'incontro

TI PRESENTO I MIEI COLLEGHI/3  La terza puntata della rubrica con la quale vi presento i miei colleghi l'ho dedicata ad una persona, un'amica che stimo moltissimo. L'ho fatto non casualmente nella giornata contro la violenza sulle donne: perché Lucia Annibali è un simbolo di cosa significhi reagire ai soprusi, alle intolleranze e alle vessazioni a cui troppe donne sono sottoposte.
> Leggi tutto il post

MARCO MINNITI A CESENA - Martedì sera, 27 novembre ore 20.45 al Palazzo del Ridotto a Cesena, interverrò alla presentazione del libro di Marco Minniti. Un'occasione per approfondire un argomento molto avvertito da tutti, il binomio "sicurezza e libertà", ma anche per un confronto a più voci sull'attualità nazionale. 

---

Altri temi della settimana

LEGGE SU CORRUZIONE E PRESCRIZIONE - Alla fine ce l'hanno fatta. Era prevedibile, in ragione dei numeri che hanno alla Camera; ma il disegno di legge Bonafede su anti-corruzione e prescrizione dei reati, purtroppo, non produrrà niente di buono. In questo intervento ho cercato di spiegare il perchè. Con l'abolizione della prescrizione dopo il 1° grado di giudizio (anche per chi viene dichiarato innocente) si diventa tutti colpevoli fino a prova contraria. E con le norme sulla corruzione, si introducono gli agenti provocatori: per la prima volta in Italia avremo persone che di mestiere andranno a provocare reati, anche laddove non ce ne sia l'ombra o l'intenzione. La lotta contro la corruzione è sacrosanta, ma sono altri gli strumenti da utilizzare. 
> Il video del mio intervento alla Camera sul provvedimento

L'EUROPA BOCCIA LA MANOVRA ITALIANA - Per la prima volta nella storia la Commissione Europea ha bocciato la manovra economica. Ho chiesto la parola in Aula per sollecitare il presidente Fico e soprattutto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ad uscire dal silenzio, spiegare cosa sta succedendo e dove vuole portare il Paese. La risposta? Si è alzato ed è andato via. Fortunatamente nelle ore successive ha cambiato idea e ha accettato di venire in parlamento a riferire sulla situazione. Risposte evasive, confermate dall'esito negativo degli incontri che Conte ha avuto nel fine settimana a Bruxelles. Facciamo il tifo per l'Italia e dunque spero davvero che non si entri in un conflitto senza precedenti con le istituzioni europee, perché il prezzo lo pagheremmo tutti noi.
> La mia richiesta al presidente Conte in Aula alla Camera

LEGGE DI BILANCIO, 2 PROPOSTE ALTERNATIVE - La manovra economica fa male agli italiani. Non basta però lamentarsi di ciò che non va, serve anche fornire delle proposte alternative. Ne ho parlato in una breve battuta su alcuni telegiornali, tra cui il Tg1. Noi proponiamo: un taglio di 4 punti del costo del lavoro su TUTTI i contratti per aumentare le buste paga e ridurre i costi alle imprese; e una aliquota unica al 24% per piccole e piccolissime imprese. 
> Il video del mio intervento al Tg1

CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE - Ieri, domenica 25 novembre, si è celebrata la Giornata nazionale contro la violenza sulle donne. Il problema, però, esiste anche oggi perché si tratta di una piaga quotidiana contro cui serve un impegno che vada avanti giorno dopo giorno. E voglio allora ricordare quello che abbiamo fatto noi per affrontare questo problema, anche per rispondere alle bufale del Governo che si lamenta non si sia fatto niente negli anni precedenti. Purtroppo la realtà è un'altra ed è quella che l'attuale esecutivo sta tagliando su tutto.
> Leggi l'articolo completo con tutte le nostre azioni e i tagli del Governo

DL SICUREZZA - Abbiamo cercato, nei limiti che ci sono stati dati, di convincere la maggioranza di governo a modificare il decreto sicurezza. Un decreto pericoloso e che, contrariamente a come è stato definito, creerà minore sicurezza. Abolendo i permessi per ragioni umanitarie renderà irregolari migliaia e migliaia di immigrati già presenti nel nostro Paese; si parla di rimpatri, ma non ci sono né le risorse né gli accordi bilaterali e diplomatici per riuscire a farli; si demolisce il sistema di integrazione diffuso sul territorio con il sistema dello SPRAR, che è l'unico modo (l'integrazione) per garantire una gestione corretta dei flussi migratori, basata su un giusto equilibrio tra diritti e doveri; si rende possibile vendere i beni confiscati alla mafia permettendo così, a chi ha ingenti liquidità a disposizione (in primis la malavita) di prendersi quei beni e farci ciò che vuole, anziché adibirli ad uso sociale e pubblico. In compenso, non si prevede nemmeno un euro in più per investire su uomini e mezzi. 
In Commissione ci hanno di fatto impedito di lavorare, in Aula hanno posto la fiducia impedendo di fatto una discussione; ma non smetteremo di contrastare questo modo di agire.

I 100 ANNI DELL'AULA DELLA CAMERA - Il 20 novembre 1918 la prima seduta della Camera dei deputati dopo la fine della Prima guerra mondiale si tiene, solennemente, nella nuova Aula di palazzo Montecitorio appena realizzata. Si uniscono così nella stessa giornata le celebrazioni per la pace riconquistata e l'inaugurazione di quello che sarà, da quel giorno in avanti, il cuore della democrazia parlamentare italiana. Una ricorrenza che abbiamo celebrato in maniera solenne a Montecitorio, alla presenza del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, e delle massime autorità del nostro Paese. Un onore e un orgoglio essere presente in questo luogo. 
> Il mio post dedicato all'anniversario
> Il video realizzato dalla Camera
> Il sito della Camera dei Deputati

LA MAGGIORANZA RICONOSCE IL BUON LAVORO FATTO PER IL TERRITORIO - Fa piacere vedere che viene riconosciuto il lavoro fatto per il territorio nella precedente legislatura da avversari politici che talvolta hanno usato parole persino ai limiti della querela quando non rivestivano cariche pubbliche. Nei giorni scorsi abbiamo visto esultare esponenti del Governo per i rinforzi in arrivo alle forze dell'ordine nella provincia di Forlì-Cesena; poi ancora un apprezzamento per il finanziamento giunto al Comune di Forlì per la videosorveglianza; compiacimento per i soldi destinati alla realizzazione del nuovo carcere di Forlì; ancora, apprezzamento per il fatto che Enac abbia dato possibilità ai privati di ottenere la concessione di gestione dell'aeroporto di Forlì. Tutto vero e tutto condivisibile: sono cose, però, con le quali l'attuale Governo (e men che meno i suoi esponenti) non c'entra assolutamente nulla. Anche se postumo, è un riconoscimento del buon lavoro fatto che mi fa piacere e di cui ringrazio; o forse è il tentativo di appropriarsi di meriti di altri? A voi la risposta. :)

REDDITO DI SOLIDARIETA' E DI INCLUSIONE - In Emilia-Romagna cresce ancora il Reddito di solidarietà, il sostegno mensile concesso a persone e famiglie in gravi difficoltà economiche che accettano di entrare in un percorso di reinserimento sociale e lavorativo. Sono 10.546 i nuclei familiari beneficiari in Emilia-Romagna, per oltre 25mila persone, a cui è stato erogato in poco più di un anno, da settembre 2017 - quando la misura fu avviata -a novembre 2018. Rispetto a maggio scorso, data dell’ultima rilevazione, sono aumentati di oltre il 30% i nuclei familiari beneficiari. E' una misura voluta dalla Regione che si somma a quella che abbiamo voluto a livello nazionale, il REI (Reddito di inclusione). Sommando i due interventi, il contributo mensile varia da 300 euro nel caso di una persona sola fino a 900 euro se destinato a una famiglia formata da cinque o più componenti. C'è chi prende in giro gli italiani illudendoli che si potrà guadagnare senza lavorare e chi, concretamente e da oltre un anno, ha messo in campo azioni concrete. 
> Maggiori informazioni sul reddito di solidarietà
> Il sito della Regione dedicato al Res 
> Il sito dell'Inps sul Reddito di inclusione

DESTINAZIONE ROMAGNA - Ecco il nuovo marchio e la nuova immagine coordinata della Destinazione Turistica Romagna, l'ente nato nel 2017 formato dai territori delle quattro province di Ferrara, Forli'-Cesena, Ravenna e Rimini e che coinvolge 97 Comuni. Per il 2019 sono diverse le azioni previste dalla Destinazione Turistica Romagna tra cui la realizzazione di un grande portale di Destinazione che accomuni itinerari e opportunità; promo-commercializzazione sui mercati di lingua tedesca; sviluppo di nuove tecnologie a servizio del turista, campagne di comunicazione web e social finalizzate ad attrarre gli ospiti, grandi eventi. Progetti all'altezza di una terra straordinaria e variegata come solo la Romagna sa essere. 

GLI INVESTIMENTI SULLA SANITA' FORLIVESE - Da qui ai prossimi anni saranno oltre 23,5 milioni di euro gli investimenti complessivi all'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Forlì. I lavori già realizzati ammontano a 6,4 milioni di euro per l'adeguamento dei padiglioni Vallisneri, Allende, Valsava e Morgagni, oltre al nuovo parcheggio per il pronto soccorso. Quelli in corso di realizzazione, pari a poco più di 3 milioni, interessano il pronto soccorso e l'area materno-infantile. Quelli programmati, oltre 17,1 milioni di euro, riguardano il completamento del nuovo pronto soccorso, un blocco operatorio, radiologia e la nuova sede del 118. Ma il progetto più ambizioso, 11 milioni di costo stimato, è la "Casa della Salute" che ospiterà diversi servizi socio-sanitari. I lavori per la "Casa della Salute" dovrebbero iniziare entro il 2019 per concludersi nel 2022.

L'UNIVERSITA' A FORLI' - Diciassette corsi di studio, di cui 11 di laurea magistrale, tre dottorati di ricerca e tre master per un totale di 6.135 iscritti e 1.555 laureati all'anno. Sono i numeri piu' significativi, inerenti alla presenza universitaria a Forli', del nuovo bilancio sociale dell'Universita' di Bologna presentato nei giorni scorsi dal Rettore proprio nel campus forlivese. Ora bisogna correre per completare i lavori del campus, per il quale il Governo aveva bloccato il finanziamento che avevamo ottenuto (quasi 4 milioni) nell'ambito del bando-periferie. Grazie alla nostra insistenza, quei fondi sono - in parte - rientrati dalla finestra con la legge di bilancio. Vigileremo affinchè vengano confermati. 

FORLIMPOPOLI, PREMIO ARTUSI DI RESPIRO GLOBALEUn onore incontrare a Forlimpopoli il brasiliano Graziano da Silva, direttore generale della FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura). Guida un organismo che opera su 182 Paesi, è stato fautore e promotore del programma “Fame zero” nel Brasile di Lula ed è al secondo mandato da direttore dopo essere stato confermato quasi all’unanimità da tutti gli stati aderenti al programma (177 su 182). Il suo impegno quotidiano per promuovere la lotta alla fame e un corretto rapporto con il cibo in tutto il mondo, gli sono valsi il conferimento del Premio Artusi 2018; ma il vero regalo lo ha fatto Da Silva alla nostra terra con la sua presenza a Forlimpopoli, proprio nella Giornata nazionale della colletta alimentare.

COLLETTA ALIMENTARE - Un sabato tutto passato all'Iper a Forlì per la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche in Romagna centinaia di punti vendita (58 solo nel Forlivese) hanno aderito all'iniziativa, voluta per raccogliere materiale destinato alle persone più bisognose e distribuito - in modo sicuro e garantito - dalla formidabile rete composta da Caritas, empori della solidarietà, associazioni ed enti caritatevoli. Un piccolo gesto, di grande valore.

Buona settimana e alla prossima newsletter!

Marco

---