Newsletter n. 267
27 gennaio 2019

"Tutto questo è successo e si deve sapere. Se è successo una volta, può succedere ancora". Le parole che mi ha detto Sami Modiano una sera a fine ottobre scorso in albergo a Cracovia, il giorno prima di visitare insieme il campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau (qui il video), mi rimarranno impresse per sempre. Soprattutto in queste giornate, quelle che ruotano attorno alle iniziative per il Giorno della Memoria delle vittime dell'Olocausto. 
E' stata una delle pagine più buie dell'umanità (purtroppo eguagliata da quelle scritte da altri regimi totalitari) di cui troppo spesso si perde la memoria stretti come siamo nella contingenza dell'oggi.
L'immagine che ho scelto per aprire questa newsletter racconta una parte dell'orrore di cui l'uomo è stato capace: decine di migliaia di scarpe appartenute a donne, uomini, bambini detenuti ad Auschwitz, spogliati di tutto prima di essere introdotti nelle baracche o direttamente nelle "docce": le camere a gas. Siccome non si doveva buttare nulla di quanto si rubava, le scarpe venivano conservate per essere riutilizzate. Lo stesso veniva fatto per ogni effetto personale, inclusi valigie, occhiali e persino per i capelli, che venivano tolti ai deportati per essere rivenduti ad alcune aziende che li riciclavano per le proprie produzioni.
Ricordare quello che è successo non deve essere solo un esercizio storico, uno sforzo mnemonico, un modo per lavarsi la coscienza un giorno e poi basta: deve essere anche di stimolo a contrastare le troppe discriminazioni che ancora oggi vediamo. La Shoah non cominciò con i forni crematori e i campi di sterminio. No, cominciò dalle parole, dall'odio verso il diverso, dalla denigrazione verso chi aveva idee politiche o religiose differenti; per poi sfociare nella violenza più cieca, barbara e bestiale. Ricordiamocelo, assieme ai pensieri di rito in occasione delle ricorrenze, ogni giorno. 
> La testimonianza di Sami Modiano

---

SAVE THE DATE - Ricordo l'appuntamento con la presentazione del rendiconto sull'attività svolta nel 2018. Vi aspetto, quindi, sabato 16 febbraio alle ore 9.45 alla Fondazione DZ a Forlì (Viale Bologna, 288). Qui il save the date, seguirà volantino. Partecipazione aperta a tutti quelli che seguono e sostengono la mia attività. 
> Scarica il "Save the date"

#TIPRESENTOIMIEICOLLEGHI 10 - La decima puntata della rubrica dedicata ai miei compagni di viaggio è dedicata ad una collega con cui ho lavorato moltissimo, in particolare alla legge che porta il suo nome, quella sullo spreco alimentare: sto parlando di Maria Chiara Gadda. Qui sotto il link alla sua presentazione. 
> Maria Chiara GADDA - Pagina FB - Twitter

---

I TEMI DELLA SETTIMANA

IL GOVERNO SBAGLIA IL BANDO, IL NUOVO CARCERE DI FORLI' SI BLOCCA ANCORA - Ci sono occasioni in cui si preferirebbe non avere ragione e questa è una di quelle. Quando ho sollevato dubbi argomentati sulla validità del bando di gara per l'assegnazione dei lavori del nuovo carcere di Forlì - per come era stato scritto, per i tempi ristretti, per la mancanza di coperture, perchè lavori da 34 milioni di euro non si possono assegnare in 15 giorni -, speravo davvero di aver preso un abbaglio. Speravo che le rassicurazioni giunte dagli esponenti locali del Governo e della maggioranza che lo sostiene fossero fondate. Invece, purtroppo, avevo ragione: l'aggiudicazione dei lavori è stata annullata con una sentenza del TAR a seguito del ricorso di un'azienda che vi ha partecipato.
> Maggiori informazioni
> Il mio precedente intervento
> Articoli: ForlìToday | Carlino | Corriere

FORLI', LA 'PARATA' DELLA LEGA IN AEROPORTO: UNA VERGOGNA! - Per anni hanno detto che al posto dell'aeroporto di Forlì bisognava farci un parco giochi; poi hanno fatto il tifo perché andasse tutto a rotoli; infine hanno gridato allo scandalo quando è uscito il bando (a cui nessuno credeva) per la gestione, pronosticando che sarebbe fallito. Ora si presentano allo scalo obbligando imprenditori e forze dell'ordine a posare in una foto da campagna elettorale nel ridicolo tentativo di prendersi meriti che non hanno nemmeno lontanamente. 
> Leggi il post completo

CANCELLATA LA TASSA SULLA BONTA' - L'attacco che il Governo ha tentato di portare al mondo del sociale e del volontariato raddoppiando l'Ires dal 12 al 24% è stato bloccato. Grazie alla nostra opposizione in parlamento e nella società, sono stati costretti ad una clamorosa retromarcia e a rimangiarsi le parole. Rimane tassazione ordinaria al 12%. Un bel risultato, una buona notizia.
> Il mio intervento dopo la Legge di Bilancio

LA COSIDDETTA 'DEMOCRAZIA DIRETTA' - Dopo averci lavorato tutta la settimana scorsa, anche la prossima sarà dedicata alla riforma della cosiddetta "democrazia diretta". Siamo partiti da un testo eversivo e al di fuori delle norme costituzionali, ma grazie alla nostra battaglia e ai nostri emendamenti, ora discutiamo di un testo che quantomeno rientra nella legalità. Adesso serve introdurre altre modifiche: vanno fissati dei limiti di materia perchè pensare che si possano introdurre, ad esempio, nuovi reati o nuove tasse (quindi leggi in materia penale e tributaria) tramite referendum, è sbagliato e surreale. Confidiamo che si vogliano ascoltare queste proposte di buonsenso a tutela di tutti. Interverrò ogni volta che ne avrò possibilità per tentare di far prevalere il buonsenso.
> GUARDA: uno dei miei interventi sul tema alla Camera

GIUSTIZIA, IL MINISTRO CHE NON SA NULLA - La relazione sullo stato della giustizia presentata al Parlamento dal ministro Bonafede fotografa una situazione purtroppo diffusa in questo governo: incompetenza, demagogia, omissioni, furore ideologico e scarsa aderenza con la realtà. Dopo aver approvato condoni edilizi e fiscali, leggi salva leghisti e modifiche alla prescrizione contro il parere di tutti, Bonafede finge di non sapere che sono stati i due precedenti governi a ridurre le cause pendenti nella giustizia civile da più di 5 milioni a 3 milioni; che la lunghezza dei processi è stata ridotta del 15 per cento, che in quegli anni l'Italia ha scalato 50 posizioni nelle classifiche internazionali dell'efficienza della giustizia civile; che le risorse alla giustizia non le ha aumentate questo governo, ma i governi del centrosinistra. L'azione della maggioranza 5 Stelle Lega al momento si è purtroppo limitata a distruggere quanto di buono fatto in precedenza – come in materia di ordinamento penitenziario – e a vaghe promesse di efficienza, difficilmente credibili visto anche il blocco di assunzioni stabilito nella legge di Bilancio.

SICUREZZA SUL LAVORO, IL GOVERNO TAGLIA I FONDI - Nei primi undici mesi del 2018 sono state presentate all'Inail 592.571 denunce di infortunio sul lavoro, con un aumento dello 0,5 per cento rispetto allo stesso periodo del 2017. Gli incidenti con esito mortale sono aumentati del 9,9 per cento; le malattie professionali del 2,2 per cento. Questa situazione rischia di aggravarsi per i tagli voluti dalla maggioranza alle risorse per la sicurezza sul lavoro, per i progetti di formazione e per l'abolizione delle agevolazioni per le imprese virtuose. La legge di Bilancio (come avevo annunciato nella mia newsletter speciale) ha tagliato i fondi dell'Inail per 1.535 milioni di euro nel prossimo triennio. Abbiamo chiesto al governo di ripensarci: la risposta del ministro Di Maio, però, è stata ancora una volta drammaticamente inadeguata rispetto alla gravità della situazione, fatta solo di parole e senza impegni precisi.
> La scheda del Question-time

RAVENNA, DIFENDIAMO L'OFF-SHORE: UN PROBLEMA ROMAGNOLO - Se Lega e M5S ci tengono a salvare posti di lavoro e a non mettere in difficoltà migliaia di famiglie, tornino indietro sulla decisione di bloccare le estrazioni di idrocarburi, uno dei settori economici importanti della nostra regione e del Paese. L’accordo che hanno raggiunto (con il solito scambio di “favori”) è pesantissimo per Ravenna, dove sono collocate le aziende, e per tutta la Romagna perché l’indotto è molto più ampio. Per questo la battaglia a difesa di questo settore e dei posti di lavoro non può essere una questione solo ravennate, ma deve impegnare per lo meno tutto il territorio romagnolo.
> Il mio post completo

E45, DI MAIO SCRIVE A DI MAIO: PRONTI A COLLABORARE ANCHE DALL'OPPOSIZIONE - Prosegue l'impegno sull'E45. Dopo l’incontro di inizio settimana al ministero dei Trasporti per affrontare la vicenda, i sindaci dell'Unione della Valle del Savio hanno lanciato un appello al ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, e ai parlamentari locali affinché imprese e famiglie si vedano garantiti ammortizzatori sociali e aiuti economici per ripartire. Davanti a problemi di questo genere, non ci sono polemiche e distinzioni politiche che tengano: ciò che conta è il risultato finale. Per questo ho subito scritto al ministro Di Maio una lettera per sostenere la richiesta delle comunità locali e ribadire appoggio, pur dall'opposizione, alle iniziative che intenderà promuovere per rispondere alle esigenze del territorio.
> Il mio comunicato stampa

FORMAZIONE PROFESSIONALE - La formazione professionale è una delle chiavi per aprire la porta del futuro per le giovani generazioni. Per questo l'impegno nel valorizzare le realtà che operano in questo ambito è costante, sostenendo le aziende che rendono possibile dotare i nostri ragazzi di nuovi strumenti. E' stato un piacere, dunque, partecipare all'apertura della nuova aula multimediale al Cnos-Fap di Forlì donata da Caffè Estados e all'attivazione della nuova macchina da laboratorio donata dalla Icos. Se cresce l'offerta formativa, crescono anche le imprese e le opportunità di lavoro.
> Il post e le foto su Facebook 

INAUGURAZIONE DELL'ATTREZZATURIFICIO - Quando ci si inventa qualcosa che prima non c’era, si compie già un’impresa; se lo si fa con il cuore, la passione e la sensibilità che sono proprie di Davide Bellini si compie qualcosa di grande. Ated2 ha inaugurato il suo ‘Attrezzaturificio’, primo centro in Italia specializzato in attrezzature da lavoro per edilizia, industria, giardinaggio, ferramenta e sicurezza. In bocca al lupo a Davide e a tutti i suoi collaboratori per questa nuova sfida.

A RIMINI LA QUESTURA DIVENTA UNA 'SEZIONE' DELLA LEGA - A Rimini un fatto grave: questore e prefetto ‘nascondono’ ai sindaci la visita di due sottosegretari. Per poi consentire loro di fare propaganda politica in Questura. Dovranno risponderne formalmente.
> Leggi tutto 

UN DOCENTE 'ESEMPLARE' - In Romagna, a Ravenna, la scelta di un insegnante che sicuramente avrà lasciato un segno ai propri ragazzi. Coltivare la memoria e promuovere i nostri valori di tolleranza e libertà.
> Leggi di più qui 

Buona settimana e alla prossima newsletter!

Marco

Per una comunicazione più rapida e per ricevere aggiornamenti direttamente sul tuo telefonino, possiamo rimanere in contatto anche tramite WhatsApp. Come fare? Semplicissimo. Aggiungi alla lista di contatti il numero: +39 349 1965449;  invia un messaggio WhatsApp con testo: NEWS ON. 
E' attivo anche il canale Telegram, aggiornato ogni giorno dal lunedì al venerdì, a cui puoi agganciarti da questo link.

---