Newsletter n. 37
13 marzo 2014

Moltissima carne al fuoco anche questa settimana e poco tempo a disposizione per parlare di tutto. Andrò velocemente, tagliando con l'accetta e dandoci appuntamento a brevissimo: sabato mattina 15 marzo alle 10.30 al Mega Forlì (corso della Repubblica, 144 - Forlì). Sarà l'occasione per fare il punto della situazione su quanto sta avvenendo a livello nazionale e per presentare, ad un anno esatto dall'insediamento, il bilancio dell'attività da me svolta nel 2013. Abbiamo preparato anche un piccolo opuscolo riassuntivo che sarà distribuito a tutti coloro che parteciperanno.

#LASVOLTABUONA - Il Consiglio dei ministri ha approvato le linee guida per i provvedimenti che si attueranno in materia di riforme costituzionali e sugli interventi di politica economica inclusa la riduzione del carico fiscale (qui tutti i provvedimenti decisi). Tante sono le azioni decise: fino a 1000 euro in più all'anno per chi oggi guadagna meno di 1500 euro al mese; un piano di 3,5 miliardi di euro per metter in sicurezza le scuole italiane; sblocco del pagamento dei debiti della P.A. nei confronti delle imprese per un valore di 68 miliari di euro; 1,5 miliardi di euro già stanziati (ma non spesi per i vincoli della burocrazia) per il contrasto al dissesto idrogeologico; costo dell'energia più basso per le Pmi del 10%; 500 milioni di euro per l'impresa sociale. Un cambio di passo notevole per aiutare il Paese a ripartire. Quel che c'è di positivo è che sono state individuate coperture finanziarie certe per assicurare i soldi necessari per questi provvedimenti.

MISSIONE AD ATENE - Sono stato indicato come rappresentante del parlamento italiano ad un incontro internazionale che si svolgerà questa domenica e lunedì ad Atene: sarà un confronto tra le commissione economiche di tutti i parlamenti europei. Un riconoscimento importante per il lavoro svolto fin qui in Commissione Finanze oltre che un'opportunità significativa per discutere con altri colleghi europei del futuro della nostra economica. In particolare sarò impegnato nel gruppo di lavoro che discuterà di proposte e azioni per favorire l'accesso al credito per le piccole e medie imprese. L'incontro è organizzato dalla presidenza greca dell'Unione europea, che precede quella del semestre italiano (al via dal 1° luglio). Ovviamente nella prossima newsletter dirò di più su questo impegno internazionale, che - non lo nascondo - è anche motivo di orgoglio.

SCUOLE - Ho scritto a tutti i sindaci del territorio forlivese (senza distinzione di parte) per sottolineare loro un'opportunità importante: ristrutturare una scuola investendo soldi  pubblici senza tener conto dei vincoli imposti dal patto di stabilità. E' stata una delle prime decisioni assunte dal Governo non solo per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, ma anche per dare una mano all'edilizia (settore quanto mai in crisi). I bisogni non mancano, specialmente nei Comuni più piccoli: spero aderiscano tutti. Con alcuni di loro sono già in contatto per la presentazione delle domande (da fare entro il 15 marzo) e per seguirle poi nel rapporto con l'apposita "unità di missione" creata a Palazzo Chigi appositamente per questo progetto.

ELECTROLUX - Passi avanti importanti sulla vicenda Electrolux: il Governo si è detto disponibile a rifinanziare la legge che prevede sgravi contributivi per le aziende che utilizzino i contratti di solidarietà. Questa era una delle condizioni chieste dall'azienda e dai sindacati per arrivare ad un accordo finale che salvaguardi gli stabilimenti italiani del gruppo (compreso quello di Forlì), i posti di lavoro e gli stipendi dei lavoratori. Avanti con fiducia e senza abbassare la guardia.

BANDO AEROPORTO FORLI' - E' stata completata la pubblicazione del bando per la privatizzazione dell'aeroporto di Forlì. scadrà il 6 maggio, data ultima per partecipare alla gara. Adesso c'è solo una cosa da fare: diffondere il più possibile il testo per favorire l'arrivo di nuovi investitori interessati a scommettere sul "Ridolfi".
Qui il bando  | qui il disciplinare di gara | qui lo schema di convenzione

LEGGE ELETTORALE - E' stata approvata alla Camera la nuova legge elettorale (per entrare in vigore definitivamente serve il via libera del Senato). Non è la legge migliore possibile (per me sarebbe stata quella con il doppio turno e i collegi uninominali, o magari con le preferenze), ma è quella che è stato possibile fare nelle condizioni date: e comunque è un impegno rispettato, dopo tanti annunci e molti proclami sulla presunta volontà di tutti i partiti di modificare il Porcellum. Una volontà mai concretizzatasi in 8 anni, ora invece ad un passo dal divenire realtà. Mi sarei aspettato uno sforzo maggiore da parte del mio gruppo parlamentare sul rispetto delle pari opportunità e in particolare sull'assicurare che il prossimo parlamento sia composto almeno per la metà da uomini e donne; a voto segreto questa proposta, su cui ero d'accordo, è stata bocciata. Perchè ero d'accordo con le "quote rosa" pur ritenendole di per sè 'degradanti' per le donne? Perchè  vedevo questa come una grande opportunità per lanciare un messaggio di enorme portata alla società italiana. Il simbolo di un cambiamento che deve essere prima di tutto culturale, necessario non tanto per garantire i "posti" alle donne, quanto la parità di opportunità (che a Forlì stiamo promuovendo e particando da anni, con risultati tangibili). In altre parole la possibilità di mettersi in gioco alla pari con gli uomini, in politica e sopratutto fuori da essa. Un obiettivo che rimane tutto da raggiungere. Mi auguro che in Senato si riesca a migliorare il testo della legge.

CARCERI - Abbiamo approvato in aula alla Camera una risoluzione che recepisce i contenuti della relazione della commissione Giustizia con la quale si richiama lo spirito della Costituzione. Il documento chiede, fra l'altro, di ridurre le pene detentive in carcere e favorire quelle non detentive e di ricorrere all'espiazione delle pene nei paesi d'origine per i condannati stranieri. Il Governo si è impegnato ad introdurre in atti concreti queste determinazioni, il parlamento farà altrettanto (dopo aver già avviato questo percorsi con altri interventi legislativi approvati nei mesi scorsi).

Ti ricordo, infine, l'appuntamento di sabato mattina alle 10.30 a Forlì, (presso il Mega, corso della Repubblica 144) per #OpenCamera: sarà un'occasione per discutere, confrontarci e per scambiarci un saluto. 

A presto!

Marco