Bisogna cambiare la legge elettorale. Lo diciamo da tempo, ma ancora non si è fatto. Lo diciamo soprattutto perchè quella attuale, il famigerato “Porcellum”, non consente ai cittadini di scegliere direttamente il proprio parlamentare di riferimento.

Una ingiustizia che abbiamo cercato di aggirare facendo le primarie per la scelta dei candidati al parlamento del Partito Democratico, ma certo non basta per restituire interamente alle persone la possibilità di votare i propri rappresentanti.

Per questo ho sottoscritto la richiesta lanciata dal deputato Roberto Giachetti (vice presidente della Camera) per la costituzione di una Commissione speciale per la riforma della legge elettorale che trasmetta un testo all’Aula entro 30 giorni dalla sua costituzione. Ciò entro un mese dalla sua costituzione, questa Commissione deve trovare una soluzione condivisa.

La richiesta prevede che il 16 aprile la Camera sia convocata in seduta straordinaria (a seguito delle sedute già previste, dunque nessun aggravio di costi) per deliberare poi la possibilità di formare questa commissione speciale.