Il sistema vitivinicolo italiano vale oltre 14 miliardi di euro e, con i suoi 5 miliardi di vendite all’estero, il vino è la prima voce dell’export agroalimentare italiano. Numeri che lo confermano un settore strategico per il Made in Italy, da promuovere e sostenere. Abbiamo finalmente una legge unica che racchiude tutte le normative in materia, attuando una semplificazione attesa da anni, limitando la burocrazia, migliorando i controlli e garantendo informazioni trasparenti ai consumatori. Un testo chiaro che favorisce produttori e operatori. Innanzitutto dando spazio all’innovazione, con la possibilità di introdurre in etichetta sistemi di informazione al consumatore che sfruttino le nuove tecnologie per aumentare la trasparenza e combattere la contraffazione. Vengono salvaguardati i vigneti eroici o storici e promossi interventi di recupero e tutela delle vigne che si trovano in aree soggette a rischio idrogeologico o di particolare pregio paesaggistico. Infine è stata introdotta una maggiore efficienza nei controlli, con l’istituzione della diffida da parte degli organi preposti e del ravvedimento operoso per non incorrere in sanzioni, nonché il registro unico dei controlli sulle imprese del settore a prescindere se siano o no imprese agricole.

> Scarica il dossier

> Il testo della legge