“La motorizzazione a Forlì non chiude. E’ giunta oggi dal Ministero la conferma che rimane valido l’impegno fino al 2022 (anno di conclusione del contratto d’affitto tuttora in essere) per il mantenimento della sede forlivese che assicura migliaia di prestazioni ogni anno”. Lo afferma il deputato Marco Di Maio, che assieme al sindaco Davide Drei, alle organizzazioni economiche e sindacali, oltre che ai dipendenti e alla direttrice della sede provinciale, ha seguito in questi mesi la vicenda che riguarda la Motorizzazione di Forlì.

“La paventata chiusura anticipata del presidio che inizialmente era nelle intenzioni dei tecnici del ministero dei Trasporti – spiega il parlamentare -, è stata scongiurata grazie ad un lavoro di squadra che ha fatto comprendere come sarebbe non conveniente chiudere la sede di Forlì per risparmiare il canone d’affitto, trasformando di fatto quel costo economico in un costo sociale a carico delle imprese e dei cittadini che ne avrebbero subito il disagio”.

“L’Amministrazione comunale – conclude il parlamentare -, le associazioni di categoria e i sindacati hanno ora tutto il tempo necessario per individuare, assieme al ministero, una soluzione permanente e valida anche dopo il 2022”.

Categorie

Iscriviti alla Newsletter