Stop agli aumenti IVA (co. 2)
Sono sterilizzati gli aumenti delle aliquote IVA per l’anno 2018 e delle accise per l’anno 2019, già parzialmente bloccati con il decreto-legge n. 148 del 2017 (collegato alla legge di bilancio 2018). Sono poi rimodulati gli aumenti IVA per il 2019, mentre restano invariati gli aumenti IVA e accise per gli anni successivi.

Prorogato il superammortamento e l’iperammortamento (co. 14-20)
Sono prorogate per l’anno 2018 le misure di superammortamento e di iperammortamento, che consentono alle imprese ed ai professionisti di maggiorare le quote di ammortamento dei beni strumentali, a fronte di nuovi investimenti effettuati. Il superammortamento  viene limato al 130%, .Si allarga, inoltre, l’elenco dei beni immateriali che beneficiano dell’iperammortamento, includendo alcuni sistemi di gestione per l’e-commerce e specifici software e servizi digitali funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale secondo il modello Industria 4.0.

Credito di imposta per le PMI (co. 46-49)
Si istituisce un credito d’imposta per le piccole e medie imprese (PMI) del 50 per cento in relazione ai costi di consulenza per l’ammissione alla quotazione su mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione europei.

Rifinanziata la c.d. Nuova Sabatini (co. 22-24)
È rifinanziata per complessivi 330 milioni di euro nel periodo 2018-2023 la c.d. Nuova Sabatini, misura di sostegno volta alla concessione alle micro, piccole e medie imprese di finanziamenti agevolati per investimenti in nuovi macchinari, impianti e attrezzature, compresi i c.d. investimenti “Industria 4.0” (big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, tracciamento e pesatura di rifiuti ed altri).
Si mantiene il meccanismo preferenziale per gli investimenti “Industria 4.0”, cui viene riservata una quota pari al trenta per cento (anziché al venti per cento) delle risorse stanziate. Il relativo contributo statale in conto impianti rimane maggiorato del 30 per cento rispetto alla misura massima concessa per le altre tipologie di investimento ammissibili. I termini per la concessione dei finanziamenti sono prorogati fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Atti societari stipulati mediante atti pubblici informatici (co.12-bis)
Si allarga la platea di atti di imprese e di società che possono essere stipulati con atto pubblico informatico.

Tax credit riqualificazione stabilimenti termali (co. 8-bis)
Si estende il credito d’imposta per la riqualificazione delle strutture alberghiere anche alle strutture che prestano cure termali. Gli stabilimenti termali potranno quindi beneficiare di una detrazione fiscale pari al 65%, fino a una massimo di 200mila euro, anche per la realizzazione di piscine termali e per l’acquisizione di attrezzature ed apparecchiature necessarie per lo svolgimento delle attività termali.

Contributo all’Ente Nazionale per il Microcredito (co. 118-bis)
Si assegna un contributo annuo di 600.000 euro a decorrere dal 2018 all’Ente Nazionale per il Microcredito al fine di promuovere la creazione di nuova autoimprendotorialità e di lavoro autonomo mediante l’accesso agli strumenti di microfinanza..

Sostegno settore aerospaziale (co. 355)
Si interviene sulla misura di sostegno al settore aerospaziale già prevista nella legge di stabilità per il 2016, ed in particolare sulla disciplina delle modalità di erogazione delle risorse ivi stanziate per un piano nazionale per lo sviluppo dell’industria italiana nel settore dei piccoli satelliti ad alta tecnologia, che deve avvenire nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato.

Fondo per lo sviluppo del capitale immateriale (co. da 641 a 643)
È istituito un Fondo per interventi volti a favorire lo sviluppo del capitale immateriale, della competitività e della produttività, volto a finanziare progetti di ricerca e innovazione da realizzare in Italia, connessi anche al programma “Industria 4.0”. La definizione annuale degli obiettivi di politica economica ed industriale è demandata ad una delibera del Consiglio dei ministri.

Sostegno internazionalizzazione del sistema produttivo (co. 151-157 e 158-159)
Si prevede che, per promuovere lo sviluppo delle esportazioni e dell’internazionalizzazione dell’economia italiana in Paesi qualificati ad alto rischio dal Gruppo d’azione finanziaria internazionale (GAFI-FATF), Invitalia possa operare, quale istituzione finanziaria, anche mediante la costituzione di una nuova società autorizzata a effettuare finanziamenti, al rilascio di garanzie e all’assunzione in assicurazione di rischi non di mercato a cui sono esposti gli operatori nazionali nella loro attività nei predetti Paesi. Si stabilisce che i crediti vantati da Invitalia a seguito dell’esercizio di tali attività siano garantiti dallo Stato, ed a copertura della garanzia è istituito un apposito Fondo con una dotazione iniziale di 120 milioni di euro per l’anno 2018.

Garanzia Stato su operazioni SACE (co. 157-bis)
Si istituisce un Fondo da 40 milioni di euro a coperture della garanzia dello Stato per gli impegni assunti da Servizi Assicurativi del Commercio Estero (Sace)  su operazioni riguardanti settori strategici per l’economia italiana, Paesi strategici di destinazione ovvero società di rilevante interesse nazionale in termini di livelli occupazionali, di entità di fatturato o di ricadute per il sistema economico produttivo del Paese e per l’indotto di riferimento sono garantiti dallo Stato.

Finanziamento dell’istituto IsiameD (co. 640)
Un milione di euro per il 2018 viene stanziato in favore dell’Istituto italiano per l’Asia e il Mediterraneo (IsiameD) per la promozione di un modello digitale italiano nei settori del turismo, dell’agroalimentare, dello sport e delle smart city.

Rifinanziamento Piano straordinario per il made in Italy (Sezione II1)
Si dispone un rifinanziamento per il 2018 del Piano straordinario per il made in Italy, in misura pari a 130 milioni e per ciascun anno del biennio 2019-2020 di 50 milioni.

Stop alle maxibollette (co. 3-bis- 3-octies)
Le norme approvate si rivolgono, in particolare, agli utenti domestici, alle microimprese, ai professionisti: d’ora in avanti, nei contratti relativi a tali servizi, il termine di prescrizione per l’emissione delle fatture passa da 5 a 2 anni, incentivando, in tal modo, un efficientamento ed una maggiore trasparenza del sistema di verifica e trasmissione delle letture. È stato sancito il diritto del consumatore ad ottenere il rimborso, nel caso in cui sia dovuto, entro tre mesi; viene incentivata l’autolettura come strumento di consapevolezza e di certezza da parte dei clienti e sono state introdotte norme per l’accesso dei cittadini utenti ai dati relativi ai propri consumi tramite il Sistema informativo integrato.

Detraibili al 19% le spese per abbonamenti al trasporto pubblico locale (co. 13)
Reintrodotta la detraibilità al 19%, fino a un massimo di 250 euro, per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale.
Si introducono invece, per la prima volta, le agevolazioni fiscali per i “buoni TPL”: le somme rimborsate o sostenute dal datore di lavoro per l’acquisto dei titoli di viaggio per il trasporto pubblico locale del dipendente e dei familiari non concorrono a formare reddito da lavoro.

Sospesi aumenti tributi regionali e comunali (co. 21)
Anche per il 2018 sono sospesi gli aumenti di tributi regionali e comunali, ad eccezione della maggiorazione della TASI già disposta per il 2017. Si prevede una deroga per il 2018 a favore dei comuni istituiti a seguito di fusione, al fine di consentire, a parità di gettito, l’armonizzazione delle diverse aliquote.

Sigarette elettroniche (co. 39-bis-39-ter)
Si estende la vendita in via esclusiva di sigarette elettroniche da parte di rivendite autorizzate anche ai prodotti da inalazione non contenenti nicotina, e si escludono i dispositivi meccanici ed elettronici, comprese le parti di ricambio. Si precisa quali strutture possono essere autorizzate alla vendita oltre ai tabaccai e si estendono alle sigarette elettroniche, ad esclusione dei dispositivi meccanici ed elettronici e delle parti di ricambio, le norme in materia di contrabbando di tabacchi lavorati esteri, nonché le norme sulla vendita di generi di monopolio senza autorizzazione od acquisto da persone non autorizzate alla vendita. Quanto al divieto di vendita a distanza di sigarette elettroniche e di contenitori di liquido di ricarica ai consumatori che acquistano nel territorio dello Stato, si precisa che il divieto si applica ai prodotti da inalazione senza combustione costituiti da sostanze liquide, contenenti o meno nicotina.

PIR (co. 40)
Le imprese che svolgono attività immobiliare vengono incluse tra quelle in cui deve essere investito almeno il 70 per cento dei PIR, i piani individuali di risparmio.

SIM (co. 41-43)
Le SIM, società di intermediazione mobiliare, sono escluse dall’addizionale IRES del 3,5%, introdotta per gli enti creditizi e finanziari dalla legge di stabilità 2016. Per gli stessi soggetti è ripristinata la deducibilità degli interessi passivi, ai fini IRES e IRAP, nella misura del 96 per cento.

Servizio universale: invio pacchi postali fino a 5kg (co. 274-bis – 274-quater)
Si stabilisce che il vigente contratto di programma tra il Ministero dello sviluppo economico e Poste Italiane (2015-2019), possa prevedere, dal 1° gennaio 2019, la possibilità che, a richiesta di una delle parti, le attività di raccolta, trasporto e smistamento degli invii postali possano ricomprendere anche quelli di peso fino a 5 kg, tenuto conto di ragioni di efficienza e razionalizzazione della fornitura dei medesimi servizi e valorizzando la presenza capillare degli uffici postali appartenenti al fornitore del servizio postale universale.

Categorie

Iscriviti alla Newsletter