“Il linguaggio violento ed aggressivo di Beppe Grillo non si ferma neppure davanti ai bambini. Il commento pubblicato sul sito di Grillo, organo di informazione ufficiale del MoVimento 5 Stelle, dedicato alla visita del presidente del Consiglio Matteo Renzi nella scuola di Siracusa è una vergognosa strumentalizzazione che non rispetta le più elementari regole di decoro e rispetto della privacy dei piccoli studenti. I paragoni fascisti scagliati da Grillo contro le maestre, gli alunni e le famiglie della scuola elementare Raiti della città siciliana sono disgustosi e completamente da respingere. Le insegnanti di Siracusa hanno semplicemente accolto in modo festoso la visita del presidente del Consiglio, un evento rilevante per ogni struttura pubblica. La violenza verbale di Grillo è profondamente irrispettosa della privacy dei bambini della Raiti, gettati, con tanto di foto per riconoscerli più facilmente, nel calderone delle sue infondate accuse contro Matteo Renzi ed il governo. Una strumentalizzazione che ha raggiunto il culmine con la definizione di “Figli della Lupa”, un’accusa assurda ed infondata che offende gli alunni e le maestre della scuola Raiti. Sarebbe opportuno che le continue aggressioni verbali lanciate dal MoVimento 5 Stelle, dal blog di Grillo come dagli scranni del Parlamento, almeno risparmiassero i bambini”, rimarcamo i deputati del Partito Democratico Maria Chiara Gadda, Marco Di Maio e Marco Donati in merito al post pubblicato dal sito di Beppe Grillo, i Figli della Lupa.