Ridurre gli sprechi è un obiettivo irrinunciabile, tanto più se si parla di cibo. Per questo il Ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, ha lanciato la prima Giornata di prevenzione dello spreco alimentare in Italia, che si è svolta mercoledì 5 febbraio a Roma al Tempio di Adriano in piazza di Pietra.
L’obiettivo è concreto: realizzare un Piano nazionale di prevenzione dello spreco di cibo. All’evento ha partecipato anche il deputato forlivese Marco Di Maio.  Il progetto, coordinato dal professore e presidente di Last Minute Market Andrea Segrè, nascerà da un confronto tra Enti, associazioni, organizzazioni e imprese.

«Possiamo arrivare a soluzioni concrete ed efficaci – afferma il giovane deputato forlivese – attraverso un monitoraggio del processo di produzione e commercializzazione degli alimenti e l’attuazione di misure di sensibilizzazione dei consumatori. Un prodotto, prima di diventare rifiuto, attraversa una serie di stati intermedi sui quali si può agire in modo concreto».

«Gli sprechi attuali devono essere dimezzati nei prossimi dieci anni e due sono le tappe importanti per l’Italia – aggiunge il parlamentare -: la presidenza europea per il prossimo semestre e l’Expo di Milano 2015. L’Italia non può perdere questa occasione di assumere il ruolo di guida in grado di dare indicazioni ed esprimere le buone pratiche per combattere lo spreco alimentare».