La campagna vaccinale sta procedendo, con alcune difficoltà, ma anche con buoni risultati. E, come detto ieri dal premier Draghi, ad Aprile sono in arrivo milioni di dosi di vaccino.

La strategia vincente è quella della collaborazione tra istituzioni locali, regionali e nazionali; un cambio di passo che sta prendendo sempre più forma grazie alle iniziative del commissario straordinario Figliuolo. Andare in ordine sparso porta solo disguidi, ritardi e ulteriori problemi.

Per questo non credo che l’ultimatum lanciato dai sindaci di San Leo e Coriano in provincia di Rimini vada nella direzione giusta. Comprare autonomamente alcune dosi del vaccino russo e pensare di organizzarne la somministrazione solo agli abitanti dei due piccoli comuni porterebbe ulteriore caos, con il risultato di rallentare l’uscita dall’emergenza.

La loro è probabilmente solo una provocazione, che pone l’attenzione su alcune lacune avute fino adesso, ma che, con la collaborazione di tutti, si stanno risolvendo.

Ognuno faccia la sua parte, i vaccini stanno arrivando e i punti di vaccinazione si stanno moltiplicando. Ieri abbiamo sfiorato le 300mila somministrazioni giornaliere e tutto fa sperare che a breve si arrivi alle 500mila. Presto ne usciremo, insieme.