tribunale-forli-300x167.jpg

A cura dell’ufficio stampa

Assicurare la piena operatività al tribunale di Forlì anche a partire dal 1° settembre, quando entrerà in vigore la norma delle legge di stabilità 2015 che trasferisce all’esclusiva competenza del ministero gli impegni finanziari per assicurare i servizi afferenti all’attività giudiziaria. Lo ha evidenziato il deputato Marco Di Maio, sollecitando il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, dopo le preoccupazioni manifestate nelle settimane scorse dai vertici del tribunale e della procura di Forlì, oltre che dal sindaco Davide Drei. 

“Ho raccolto le preoccupazioni che sono stati così autorevolmente segnalate – afferma Marco Di Maio – segnalandole direttamente al ministro così che possano giungere direttamente alla fonte. Mi auguro che il Ministro non manchi di confermare un impegno, quello di assicurare l’operatività e l’efficienza del nostro sistema giudiziario, di cui Forlì ha particolare bisogno anche alla luce della chiusura della sezione distaccata di Cesena”.

Intanto il sottosegretario al ministero della Giustizia, Cosimo Ferri, rispondendo in aula alla Camera ad una interpellanza ha assicurato che “tutti gli uffici giudiziari interessati dal trasferimento di pubbliche funzioni, e dunque, anche il tribunale di Forlì, potranno continuare ad assicurare adeguatamente i servizi necessari all’amministrazione di giustizia. Gli uffici giudizari di Forlì, peraltro, presentano scoperture di organico inferiori della media nazionale. In ogni caso la situazione complessiva degli uffici giudizari di Forlì verrà attentamente valutata e monitorata, assicurando piena collaborazione agli uffici giudiziari e ai parlamentari del territorio”.